Un approccio diverso alla moda: Lucio Vanotti

Lui si chiama Lucio Vanotti ed è un giovane stilista milanese. Disegna abiti no gender e si ispira all’architettura radicale degli Anni Sessanta. Guardate un po’ con che risultati.

Lucio Vanotti
Lucio Vanotti

COME (NON) CAMBIA LA MODA ITALIANA
Il fashion system internazionale sembra essere sedotto da una poetica diversa nella moda italiana, che affonda le sue radici nel costume come quella proposta dal duo Mariagrazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli per Valentino, o dall’immagine da “beautiful looser” proposta da Alessandro Michele per Gucci, che ha riscosso così tanto successo in solo due stagioni. Un momento di ridefinizione stilistica, in cui si sente il bisogno di un nuovo romanticismo, di un prodotto che racconti una storia, un incanto senza tempo, che la moda commerciale, nel suo frenetico inseguire i trend, stava in qualche modo perdendo.
Queste due storie ci fanno interrogare e riflettere su quale sarà il futuro della moda italiana: pur essendo molto diverse tra loro, hanno in comune l’idea di Roma come radice delle loro ispirazioni e anche una certa libertà di approccio allo stile che la capitale si è sempre concessa.

FASHION RADICALE E ARCHITETTONICO
In questo panorama, dove si ripetono ritualità e gesti di un mondo che sta cambiando velocemente, a generare fermento e nuova linfa sono i giovani designer che, sia a Milano sia a Roma, riescono ad avere sempre più spazio. Tra le figure più interessanti che si vanno affermando, con il suo stile colto e minimale, è Lucio Vanotti.
Un approccio diverso al lavoro del designer che trova nelle architetture e nel design un sistema di piani, una griglia per ripensare l’idea dell’abito nelle varie dimensioni sia nella costruzione che nella stampa. “Condivido il pensiero dell’Architettura Radicale che tutto può essere architettura o che l’architettura faccia parte di un concetto più ampio di desiderio estetico della realtà”, racconta Vanotti. Quadrati, strisce, linee, ripresi da elementi dell’arredo e delle architetture tradizionali giapponesi diventano le guide per rileggere capi classici del guardaroba maschile e femminile. Una visione purista e allo stesso tempo poetica, che ammorbidisce i volumi e le ampiezze avendo nel suo Dna la costruzione dell’abito sartoriale.

Lucio Vanotti
Lucio Vanotti

SUPERSTUDIO NELL’ARMADIO
Lucio Vanotti ha sempre seguito un’idea “no gender”, evoluzione per lui naturale dell’abito, cioè di un guardaroba che fosse naturalmente giusto sia per la donna che per l’uomo.
Per la sua ultima collezione uomo, presentata a Milano lo scorso giugno, si è ispirato al mondo di Superstudio, movimento che negli Anni Sessanta ha messo in discussione i dogmi dell’architettura tradizionale e l’idea di mainstream culturale con un’ironia dissacrante.

Alessio de’ Navasques

www.luciovanotti.com

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #27

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessio de'Navasques
Critico e curatore, ha orientato la sua ricerca sulle intersezioni tra moda e arte contemporanea, collaborando con istituzioni locali e straniere, musei e gallerie private. Ha fondato A.I. Artisanal Intelligence - di cui è direttore creativo - concepito come una piattaforma dedicata alle forme innovative di artigianato ed espressione artistica, ai nuovi talenti e alla riflessione e alla riscoperta dell’heritage di realtà storiche italiane. Tra i progetti più recenti: nel 2019, ha curato la mostra personale di di Jeff Bark "Paradise Garage" al Palazzo delle Esposizioni di Roma, la prima esposizione in Italia del fotografo americano e la mostra “Anton Yelchin - Provocative Beauty”, negli spazi rinnovati di Palazzo Brancaccio a Roma. Nel 2020 - 21 ha collaborato alla realizzazione della mostra ROMAISON, dedicata al rapporto tra moda e costume, ospitata negli spazi del Museo dell’Ara Pacis, a Roma e alla realizzazione della performance “Embodying Pasolini” di e con Tilda Swinton e Olivier Saillard. Nel 2021 ha curato la mostra “Il Grande Gioco” dedicata alla riscoperta di Anna Paparatti, artista e figura di raccordo nella Roma degli anni Sessanta e Settanta, tra arte e moda e la mostra “Lazio, Land of Cinema - The Land of Magic Handcraft”, per il Padiglione Italiano di Expo Dubai. Scrive regolarmente per le testate: I-D,Vogue, Dust e Artribune. È docente e visiting lecturer presso: Università La Sapienza, NABA, 24 Ore Business School, Treccani Academy.