La Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia, per gli amici GNU, mette in mostra una parte dei propri depositi. Per festeggiare i cent’anni del museo e raccontare i recenti restauri.

Sarà forse colpa dell’immagine finale de I predatori dell’arca perduta, con l’Arca dell’Alleanza stipata in un magazzino colmo di casse con sovrimpressa la scritta “top secret”. Fatto sta che pure i depositi dei grandi musei assumono talora coloriture complottistiche. Cosa sarà celato ai nostri occhi? Quali straordinari tesori sono nascosti? Ultima in ordine di tempo, la GNU – Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia, diretta da Marco Pierini, ha deciso di svelare l’arcano. Con serietà filologica, un pizzico di festeggiamenti (per i cent’anni del museo) e una buona dose di orgoglio per i restauri appena terminati. Con il direttore abbiamo parlato della mostra che prosegue fino all’Epifania.

Quali fra le opere in mostra sono state sottoposte a interventi di restauro?
Su un totale di 103 opere, 39 sono state interessate da operazioni di restauro più o meno complesse. Tra queste vorrei ricordare almeno la grande tavola di Dono Doni con l’Immacolata concezione e la Madonna col Bambino del senese Lippo Vanni, che ha messo in luce una qualità pittorica straordinaria e un intervento integrativo della seconda metà dell’Ottocento realizzato con ogni probabilità dal pittore, collezionista ed erudito perugino Luigi Carattoli.

Pittore perugino della seconda metà del XIV secolo, Martirio di santa Giuliana, Ottavo nono decennio del XIV sec. Perugia, Monastero di Santa Giuliana
Pittore perugino della seconda metà del XIV secolo, Martirio di santa Giuliana, Ottavo nono decennio del XIV sec. Perugia, Monastero di Santa Giuliana

I restauri hanno fatto emergere dettagli importanti?
Un restauro importante è stato anche quello della Sacra Famiglia di Domenico Alfani, grazie al quale sono emerse con maggiore chiarezza le affinità dell’opera, già rilevate dalla critica, con la maniera di Raffaello. Infine una bellissima scultura cinquecentesca in terracotta, raffigurante Santa Caterina d’Alessandria, della quale è stata recuperata parte della policromia originale; nel corso del restauro è pure emersa una preghiera inserita dallo scultore all’altezza del busto della santa, destinata a rimanere nascosta.

In sintesi, cosa si intende per restauro conservativo? Perché capita ancora di vedere restauri che restituiscono opere “com’erano” con gran dibattiti al proposito?
Ormai si dovrebbe parlare solo di restauro conservativo, ovverosia di tutte quelle operazioni che hanno il fine di consolidare e preservare la materia (sia il supporto che la superficie) senza pretendere di ricostruire l’immagine originaria. Chiaramente le integrazioni sono concesse quando interessano piccole porzioni di superficie e sono deducibili dal contesto pittorico (vedi il prolungamento di una piega di una veste) o da precedente documentazione fotografica.

Che tipo di tecniche avete adottato e con quali tempistiche?
I restauratori che abbiamo interpellato hanno adottato tutti tecniche analoghe in principio, anche se leggermente diverse gli uni dagli altri nella pratica. Tutte le integrazioni sono comunque state realizzate ad acquerello ‒ quindi facilmente rimovibili ‒ e per le puliture è stato utilizzato in prevalenza gel. Non è stato impiegato alcun materiale che non possa essere rimosso.

Domenico e Orazio Alfani, Sacra Famiglia con san Giovannino e i santi Francesco e Antonio da Padova, 1537-44. Perugia, Chiesa di San Francesco al Prato
Domenico e Orazio Alfani, Sacra Famiglia con san Giovannino e i santi Francesco e Antonio da Padova, 1537-44. Perugia, Chiesa di San Francesco al Prato

Qual è il ruolo del deposito in un museo? Qualcuno addirittura propone di vendere cosa non possiamo esporre. È una proposta sensata?
I depositi di un museo sono luoghi che nell’immaginario collettivo prendono spesso la forma di polverosi magazzini pieni di opere meravigliose, più o meno colpevolmente sottratte alla vista del pubblico. Ma la realtà è un po’ diversa. Alcune, come le riserve delle squadre di calcio, siedono in panchina, pronte a entrare in campo in sostituzione di altre temporaneamente in prestito o in restauro, altre ancora aspettano la visita di studiosi e conoscitori che possano studiarle e meglio valorizzarle, altre infine – pur pregevoli, talvolta bellissime – portano su di sé troppe offese del tempo perché possano essere esposte al pubblico e debbono accontentarsi di qualche amicale visita degli addetti ai lavori, pronti a intenerirsi di fronte alla sfiorita bellezza che fu. Pertanto ogni opera ha diritto a essere ricoverata in sicurezza nei depositi dei musei, dai quali può essere tolta solo per essere esposta o restaurata. La proposta della vendita mi sembra una boutade di poco senso.

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Grandi Mostre #12

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Evento correlato
Nome eventoL’altra galleria. Opere dai depositi della Galleria Nazionale dell’Umbria
Vernissage21/09/2018 ore 17,30
Duratadal 21/09/2018 al 06/01/2019
Generearte antica
Spazio espositivoGNU - GALLERIA NAZIONALE DELL'UMBRIA
IndirizzoCorso Pietro Vannucci 19 - Perugia - Umbria
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.