Fiere d’arte a Torino. Intervista su Flashback

Prosegue il ciclo di interviste agli organizzatori delle fiere torinesi, protagoniste dell’art week torinese appena cominciata. Dopo Nesxt, Dama, The Others e Artissima, oggi la parola va a Stefania Poddighe e Ginevra Pucci, direttrici di Flashback.

Brogi, Torino. Panorama della Villa della Regina, 1890 ca. - Alinari, Firenze
Brogi, Torino. Panorama della Villa della Regina, 1890 ca. - Alinari, Firenze

Nei primi mesi sembrava che il passaggio da decenni di governo cittadino in mano a quello che ora si chiama Partito Democratico alla nuova giunta del M5S fosse tutto sommato piuttosto morbido. Nelle ultime settimane invece c’è stata un’accelerazione importante, soprattutto nell’ambito della cultura. L’ultimo evento in ordine di tempo, nel momento in cui formuliamo questa domanda, sono le dimissioni di Patrizia Asproni da presidente della Fondazione Torino Musei. Un commento da parte vostra – non tanto sulle dimissioni, quanto sulle prospettive a livello generale del comparto arte contemporanea.
L’arte contemporanea a Torino vanta un sistema fortemente burocratizzato e piramidale, un sistema perfettamente strutturato e istituzionalizzato dove l’opera e gli artisti sono solo un gradino di una grande scala gerarchizzata.
Crediamo che, indipendentemente dalle ideologie, nel caso ve ne fossero ancora, l’attenzione debba essere puntata sulla ricerca. Gli artisti (senza di loro non ha senso parlare di arte) sono dei ricercatori e come tali devono essere messi nella condizione di poter “ricercare”. In secondo luogo il sistema deve riuscire a porsi come inclusivo e non esclusivo. L’esclusività fa riferimento a un numero ristretto di persone lasciandone fuori tantissime altre, mentre l’arte deve rappresentare un’opportunità per tutti. Nessuno deve essere privato di uno strumento capace di farci pensare come l’arte. Noi lavoreremo con questi obiettivi.

Jean Fusoris, Astrolabio, 1390-1416 - Zabert, Torino
Jean Fusoris, Astrolabio, 1390-1416 – Zabert, Torino

Quest’anno il bouquet fieristico torinese è particolarmente ricco, voi però avete occupato un comparto ben specifico e vi sovrapponete soltanto ad Artissima e soltanto per la parte d’arte moderna. Ci raccontante quali sono le novità di quest’anno?
Riprendiamo i concetti espressi nella risposta precedente: il nostro interesse è incentrato sul pubblico e sul fornire degli strumenti di conoscenza, per questo motivo abbiamo scelto di concentrarci (dal punto di vista degli espositori) sulle… migliaia di anni precedenti al periodo trattato dalle altre manifestazioni (con Artissima ci sovrapponiamo per soli nove anni: dal 1970 al 1979).  Quest’anno l’opera più giovane (come direbbe De Dominicis) esposta a Flashback è una Pelike Attica del V secolo a.C. L’archeologia dunque è una tra le novità, poi gli arazzi di arte moderna, il disegno sia antico che moderno, la fotografia storica degli mitici Fratelli Alinari e molto altro ancora.

Un dato interessante è la partecipazione di alcune gallerie straniere, che era forse il lato più debole di Flashback. Come ci siete riuscite e quali prospettive avete in questo senso?
Quest’anno effettivamente abbiamo delle importanti gallerie straniere che partecipano a Flashback, ma ci preme sottolineare che il sistema arte antica è diverso dal sistema arte contemporanea. Il valore aggiunto è avere opere importanti indipendentemente dalla provenienza delle gallerie. Le prospettive, in relazione ai nostri obiettivi, sono veramente più che ottime. Lo dimostra il fatto che Flashback è oggi occasione consolidata per mettere in mostra importanti opere inedite, frutto dell’attento e difficile lavoro di ricerca portato avanti dalle gallerie.

Lucio Fontana, Concetto Spaziale. Attese, 1966 - De Jonckheere, Ginevra
Lucio Fontana, Concetto Spaziale. Attese, 1966 – De Jonckheere, Ginevra

Nei mesi scorsi avete sostenuto il progetto Opera viva, ovvero arte contemporanea in Barriera di Milano. Cosa c’entra con una fiera di arte antica e moderna?
Rispondiamo con due motivazioni: la prima è che Flashback, in tutte le sue sfaccettature, è contemporaneamente cultura e mercato, due elementi della stessa equazione che hanno come fine comune il fornire degli strumenti cognitivi alle persone, la seconda è che ci fai una domanda pleonastica perché le opere d’arte… sono tutte contemporanee, l’opera è, per l’appunto, Opera Viva.

Se il Ministero vi chiedesse un parere su come agevolare il comparto, quali consigli dareste? Penso soprattutto alle questioni fiscali, al diritto di seguito e via discorrendo.
Sicuramente argomento per noi spinoso è la burocrazia nel sistema di circolazione delle opere: è auspicabile una velocizzazione e semplificazione delle procedure, come dire… con la burocrazia attuale, Cristoforo Colombo non sarebbe mai riuscito a partire.

Marco Enrico Giacomelli

Torino // dal 3 al 6 novembre 2016
2 novembre inaugurazione su invito
Flashback
PALA ALPITOUR ISOZAKI
Corso Sebastopoli 123 / Via Filadelfia 82
011 19464324
[email protected]
www.flashback.to.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/57227/flashback-2016/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.