Nuovo decreto Covid, dall’1 aprile nei musei senza Green Pass. Tutte le nuove misure

Dall’1 aprile per accedere a musei e siti culturali non sarà più necessario esibire il Green pass. Per gli spettacoli al chiuso, fino al 30 aprile, bisognerà essere muniti di Green pass rafforzato

Museo del Novecento di Milano, Sala Fontana
Museo del Novecento di Milano, Sala Fontana

Nonostante l’attenzione mediatica in questo momento è focalizzata sulla guerra in Ucraina, la pandemia continua a determinare e influenzare, seppure in misura differente rispetto a mesi fa, stili di vita e norme di comportamento in molti paesi del mondo. In Italia, in particolare, si avvicina la fatidica data dell’1 aprile, momento in cui saranno allentate molte restrizioni a partire dall’obbligo di Green pass per svolgere numerose attività e accedere a determinati luoghi. Con queste nuove norme, l’Italia esce finalmente dallo stato d’emergenza sanitaria, sebbene i dati non siano ancora totalmente rassicuranti e l’attenzione sia ancora da mantenere alta. Le nuove normative riguardano naturalmente anche il mondo della cultura, con la rivisitazione delle regole per accedere a musei, mostre, archivi, biblioteche, cinema, teatri e concerti.

COVID. DALL’1 APRILE 2022 NUOVE REGOLE PER IL MONDO DELLA CULTURA

“Con l’entrata in vigore del decreto-legge 24 marzo 2022, n.24, che stabilisce la fine dello Stato di emergenza, cambiano le modalità di accesso ai luoghi della cultura e dello spettacolo”, si legge in una nota del Ministero della Cultura. Per accedere a musei, parchi archeologici, mostre, archivi, biblioteche e altri luoghi della cultura non sarà più necessario il Green pass rafforzato, né quello base. Resta l’obbligo di utilizzo di mascherine chirurgiche. Per quanto riguarda cinema, teatri e concerti al chiuso, dall’1 al 30 aprile 2022 sarà ancora richiesto il Green pass rafforzato e l’obbligo di indossare le mascherine FFP2. Per gli spettacoli all’aperto invece, sempre dall’1 al 30 aprile 2022, è richiesto il possesso del Green pass base e l’obbligo di indossare le mascherine FFP2.

– Desirée Maida 

https://www.beniculturali.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.