Nuovi direttori dei Musei regionali delle Marche: ecco chi sono

Stefano Brachetti, Alessandra Pacheco e Diego Voltolini sono i nuovi direttori della Rocca Demaniale di Gradara, della Rocca Roveresca di Senigallia e del Museo Archeologico Nazionale delle Marche

I nuovi direttori nominati. Da sinistra Alessandra Pacheco – Rocca Roveresca di Senigallia; Stefano Brachetti – Rocca Demaniale di Gradara; Diego Voltolini – Museo Archeologico Nazionale delle Marche
I nuovi direttori nominati. Da sinistra Alessandra Pacheco – Rocca Roveresca di Senigallia; Stefano Brachetti – Rocca Demaniale di Gradara; Diego Voltolini – Museo Archeologico Nazionale delle Marche

Dopo le recenti nomine al Polo Museale del Veneto, a insediarsi adesso in tre istituzioni della Direzione Regionale Musei Marche sono altrettanti nuovi direttori. Si tratta di tre siti – tra quelli facenti parte dell’Istituto del Ministero della Cultura guidato dal direttore Luigi Gallo – che ogni anno registrano il maggior numero di visitatori, ovvero la Rocca Demaniale di Gradara, la Rocca Roveresca di Senigallia e il Museo Archeologico Nazionale delle Marche, adesso diretti rispettivamente da Stefano Brachetti, Alessandra Pacheco e Diego Voltolini.

I NUOVI DIRETTORI DELLA DIREZIONE REGIONALE MUSEI MARCHE

Stefano Brachetti, nuovo direttore della Rocca Demaniale di Gradara, è architetto. Dal 2000 lavora al Ministero della Cultura, prima al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo in Roma, poi per il Polo Museale del Lazio. Dal 2018 fino alla recente nomina, ha ricoperto il ruolo di Funzionario per la Promozione e la Comunicazione presso la Galleria Nazionale delle Marche Palazzo Ducale di Urbino. A guidare la Rocca Roveresca di Senigallia è invece Alessandra Pacheco, architetto già funzionario Architetto della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche. Entrambe le Rocche in precedenza sono state dirette dall’architetto Cecilia Carlorosi, attuale Soprintendente della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Pesaro Urbino e Ancona, “alla quale vanno i migliori auguri di buon lavoro e un ringraziamento per il lavoro svolto presso la Direzione Regionale Musei Marche”, sottolinea una nota stampa dell’Istituzione. Il Museo Archeologico Nazionale delle Marche è adesso diretto da Diego Voltolini, archeologo della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Ancona e Pesaro e Urbino; prima della nomina di Voltolini, il Museo è stato guidato da  Nicoletta Frapiccini, alla quale “va la gratitudine per la gestione del museo e i vari importanti progetti intrapresi per il MAN Marche, come anche gli auguri per la prosecuzione della gestione del Museo Archeologico Statale di Urbisaglia e dell’Antiquarium Statale di Numana che, sotto la sua direzione, ha già visto la realizzazione del nuovo allestimento museale che andrà incrementandosi nei prossimi mesi”.

I MUSEI DELLA DIREZIONE REGIONALE DELLE MARCHE

Della Direzione Regionale Musei Marche fanno inoltre parte il Museo Tattile Statale Omero, Il Museo Archeologico Statale di Arcevia (diretto da Claudia Casavecchia), il Museo Archeologico Statale di Ascoli Piceno e il Museo Archeologico Statale di Cingoli (entrambi diretti da Sofia Cingolani), l’Antiquarium Statale di Numana e il Museo Archeologico Statale di Urbisaglia (guidati da Nicoletta Frapiccini).

– Desirée Maida

https://www.musei.marche.beniculturali.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.