Street art in Puglia: dalla Regione quasi 4 milioni di euro per la rigenerazione urbana

Approvato il piano di risorse per un grande programma di arte urbana di riqualificazione iniziato un anno fa. Le 91 amministrazioni che già avevano mostrato interesse per la prima call saranno presto ricontattate

alcune delle undici opere realizzate nella prima fase, via blog Enzo Colonna
alcune delle undici opere realizzate nella prima fase, via blog Enzo Colonna

Arte urbana per rigenerare luoghi e beni pubblici? Succede in Puglia, dove sta per avviarsi un coinvolgente progetto di valorizzazione del patrimonio e di riscoperta del territorio attraverso il comune denominatore della street art. La Regione ha, infatti, deciso di stanziare quasi 4 milioni di euro per realizzare murales che abbelliscano le periferie delle città, rendendole più accoglienti e inclusive. “Con una deliberazione approvata giovedì su proposta degli assessori Capone e Piemontese, la Giunta regionale ha dato il via libera definitivo all’attuazione della misura finalizzata a promuovere e sostenere gli interventi di Street Art nel territorio pugliese”, scrive nel suo blog il consigliere regionale Enzo Colonna in cui spiega un po’ tutta l’operazione che fa parte del più ampio programma STHAR LAB, approvato dalla Giunta a dicembre 2019 e finalizzato al recupero di beni e luoghi culturali appartenenti ad amministrazioni pubbliche attraverso laboratori di fruizione articolati in tre ambiti tematici (street art, teatri storici, habitat rupestri) in grado di attivare percorsi culturali di relazione pubblica e collettiva.

STHAR LAB: COME FUNZIONA IL PROGRAMMA

Si tratta della più imponente operazione di supporto, in Italia, da parte di una pubblica amministrazione, a un articolato programma di interventi finalizzato a diffondere e valorizzare l’arte urbana”. Una misura di grande portata per la Regione Puglia che, infatti, non è nuova a questo tipo di interventi. “L’estate scorsa la Regione invitò, con un’apposita call, le amministrazioni pubbliche del territorio pugliese a presentare manifestazioni di interesse proponendo spazi nella loro disponibilità dove poter realizzare interventi di street art”, continua Colonna. “Si dava attuazione ad una misura che avevo inserito nella legge collegata al bilancio regionale del 2019 (con uno stanziamento di 450mila euro in tre anni)”. Alla call risposero ben 91 pubbliche amministrazioni tra comuni, province, scuole e università. Tra tutte le domande, furono individuati i primi 11 interventi “immediatamente cantierabili”, che poi sono stati realizzati con le risorse del bilancio autonomo regionale a disposizione (150mila euro). Ora, dando seguito agli impegni presi nell’autunno scorso, la Regione stanzia le risorse necessarie, pari complessivamente a 3 milioni e 640 mila euro (a valere sul POR Puglia 2014-2020), dando il via libera definitivo ad una procedura negoziale con gli Enti che avevano manifestato interesse.

ARTE URBANA E BENI PUBBLICI: IL BANDO

Puntiamo sull’arte urbana per rigenerare luoghi e beni pubblici. Il nostro obiettivo, con una misura che non ha pari in Italia, è coinvolgere artisti e cittadini, insieme ai comuni, per rendere più belle e attraenti le nostre città”, dichiara l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone. “Abbiamo lavorato molto con il Presidente Emiliano a questa iniziativa e siamo orgogliosi che con questo provvedimento la Puglia è all’avanguardia in Italia per impostazione, partecipazione, entità delle risorse messe in campo per l’arte e la creatività urbana”. Nei prossimi giorni la Sezione regionale Valorizzazione Territoriale, diretta dalla dott.ssa Silvia Pellegrini, chiamerà le amministrazioni che hanno dimostrato manifestazioni di interesse a formulare una proposta progettuale che contempli la realizzazione di un’opera di Street art integrata a un’attività di laboratorio.

-Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).