MAAM abusivo: lo Stato dovrà pagare 27,9 mln alla proprietà. Ma l’ideologo diventa direttore

La decisione del Tribunale Civile dà ragione alla azienda Ca.Sa srl. Dal 4 luglio 2018, il MAAM è ufficialmente abusivo e andrà sgomberato. Il Vicesindaco di Roma Luca Bergamo lo aveva indicato invece come modello culturale trasformandone l’animatore culturale nel direttore del Macro.

MAAM - Museo dell'Altro e dell'Altrove, Roma - photo Giuliano Ottaviani
MAAM - Museo dell'Altro e dell'Altrove, Roma - photo Giuliano Ottaviani

In tempi non sospetti, quasi un anno e mezzo fa, lo avevamo scritto su Artribune, stigmatizzando la decisione del vicesindaco Luca Bergamo di prendere come modello culturale per l’arte contemporanea romana un esempio assoluto di abusivismo come il MAAM – Museo dell’Altro e dell’Altrove. Tanto da promuovere il suo “direttore” autonominatosi, Giorgio De Finis, a direttore del MACRO di via Nizza (con lo stratagemma di chiamarlo “curatore” così da non dover passare per un bando pubblico, peccato che a partire da Instagram De Finis stesso si autoproclami “director”). Per fortuna di De Finis il vicesindaco, anni fa suo compagno di scuola in un noto Liceo romano, gli ha trovato in fretta e furia un ottimo ruolo alternativo come il MACRO. Sì, perché dal 4 luglio 2018, con sentenza della seconda sezione del Tribunale civile di Roma, il MAAM e la vasta occupazione a scopo abitativo che lo contiene è ufficialmente abusivo e andrà senza dubbio sgomberato. “Nei musei normalmente si passa, mentre qui le persone ci vivono, e questo potrebbe essere da esempio nella gestione di altri spazi della cultura capitolina” affermava Bergamo ad ottobre 2016. Aggiungendo che sarebbe stato necessario cogliere ciò che “questo luogo insegna”. Peccato che vivere in spazi occupati e di proprietà altrui trasmetta solo un insegnamento secondo i la giustizia del nostro paese: l’illegalità, la prepotenza e, parola di sentenza, il pericolo per tutti e l’eversione che questo rappresenta.

Giorgio De Finis
Giorgio De Finis

LA DECISIONE DEL TRIBUNALE

È stato stabilito dal Tribunale civile infatti che l’ex fabbrica Fiorucci nel quartiere Tor Sapienza costerà un risarcimento da capogiro al Ministero dell’Interno: per lo stabilimento di via Prenestina, occupato dal 2009 e oggi sede del Museo dell’Altro e dell’Altrove, lo Stato e il Viminale devono saldare “immediatamente” un conto da 27,9 milioni di euro alla Ca. Sa srl del costruttore Pietro Salini. Oltre tutto, le 18 pagine firmate dal giudice Alfredo Matteo Sacco rappresentano un’accusa quanto mai pesante alla gestione delle occupazioni abusive degli ultimi dieci anni. Le parole della sentenza sono chiarissime: “Si lamentano specificatamente la carente attività di prevenzione e l’altrettanto carente attività di repressione delle occupazioni abusive. L’occupazione abusiva non lede i soli interessi della parte proprietaria, ma lede anche il generale interesse dei consociati alla convivenza ordinata e pacifica e assume un’inequivoca valenza eversiva“.

LA SITUAZIONE CAPITOLINA

Non meno dura l’analisi della situazione capitolina: “Le occupazioni abusive di interi stabili nella sola città di Roma assommano almeno a un centinaio e tale situazione è da sola sufficiente a dimostrare l’inadeguatezza della complessiva azione preventiva e repressiva delle autorità preposte”. Del resto il censimento del patrimonio capitolino è ancora fermo e mancano soluzioni alternative di alloggio per permettere alla prefettura di far ripartire gli sgomberi. E quando la politica è latitante ci pensano i magistrati a suggerire le linee guida per un’amministrazione trasparente: “L’esecuzione degli sgomberi forzati”, si scrive ancora nella sentenza, “può certamente determinare immediati, ma evidenti e limitati, turbamenti dell’ordine pubblico. La tolleranza delle occupazioni abusive, al contrario, può determinare situazioni di pericolo meno evidenti ma decisamente più gravi nel medio e nel lungo periodo. Tollerare simili occupazioni può consentire il formarsi di ‘zone franche’ utili per ogni genere di traffico illecito”. Insomma sgomberare è pericoloso e difficile, tollerare le decine e decine di occupazioni abusive è pure peggio.

Il Macro di Via Nizza, foto via Equilibrarte
Il Macro di Via Nizza, foto via Equilibrarte

CHI PAGA?

Va notato, per un curioso scherzo del destino, che se da un lato il Vicesindaco grillino ha elevato  a modello supremo di efficienza culturale un vero e proprio esempio di abusivismo e di illegalità, dall’altra parte i danni per non aver effettuato gli sgomberi saranno pagati dall’alleato nel governo nazionale, il Vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini. E speriamo che il trionfo dell’abusivismo preso ad esempio per il MACRO non porti con sé anche l’effetto discarica ben presente nel MAAM (non di rado con tanto di rifiuti speciali, come raccontano le carte del Tribunale). Basta andarsi a leggere, due progetti “artistici”, riservati, per il MACRO Asilo che prenderà avvio con la nuova direzione ad ottobre: l’uno prevede l’uso e l’accumulo di garze (tarlatane in linguaggio tecnico) sporche usate dagli incisori per pulire le lastre inchiostrate e l’altro prenderà in prestito sampietrini dismessi per coprirli e rivestirli di stracci. Vernacolo e folklore nella migliore delle ipotesi. Se non altro, a Roma non si capirà più quale è l’immondizia che invade vergognosamente le strade e quale l’opera d’arte, in una gigantesca discarica in cui tutto è permesso e in cui nulla andrà perciò pulito e riportato alla normalità. Se la capitale fosse la città normale che dovrebbe essere e che non è, dopo una sentenza di questa gravità sia dal punto di vista finanziario (tutti i cittadini italiani dovranno rifondere di tasca loro gli imbarazzanti capricci culturali di 10 anni di occupazione effettuati a danni di una proprietà privata) che dal punto di vista giudiziario (le parole del giudice sono micidiali), il direttore in pectore farebbe un immediato passo indietro o l’amministrazione gli chiederebbe di effettuarlo. Come è possibile che dopo tutto questo si faccia come se nulla fosse? Come è possibile che l’amministrazione grillina che amministra Roma insista nel portare dentro al Macro una esperienza artistica che è stata così duramene condannata dallo Stato Italiano? Ci auguriamo che il buon senso risolva la situazione e che il Macro possa essere assegnato ad un professionista scelto con un regolare bando pubblico al quale tutti i migliori critici, curatori e direttori di museo potranno partecipare liberamente e con pari opportunità, perfino coloro che non sono mai stati amici dell’assessore in carica. Del resto per questioni di neppure paragonabile gravità si è appena dimessa (dimessa!) la direttrice del Museo del Design della Triennale di Milano.

Un murale di Sabrina Dan al MAAM
Un murale di Sabrina Dan al MAAM

LA DICHIARAZIONE DELL’ASSESSORE

Bergamo tuttavia, sentito da Artribune, sembra non essere dello stesso avviso: “La sentenza del Tribunale non riguarda la persona di De Finis e non mette in discussione il valore del suo lavoro culturale. Si possono sempre criticare scelte culturali non condivise e strumenti individuati per attuarle, ma usare strumentalmente per questo fine atti della magistratura che nulla hanno a che vedere con le stesse è un esercizio che si commenta da solo”. Insomma De Finis era capo del Maam ‘a sua insaputa’ secondo il Vicesindaco di Roma. Due anni fa Bergamo elogiava l’occupazione (“qui la gente ci vive”), oggi la magistratura spiega che occupare immobili è illegale, eversivo e crea danni economici, ma questo non è rilevante. Tra qualche giorno magari ci spiegheranno che De Finis al Maam non ci ha proprio mai messo piede, anzi ha fatto di tutto per interrompere una occupazione illegale così duramente raccontata dai magistrati. Del resto stiamo parlando dell’amministrazione secondo la quale Lanzalone era un consulente qualsiasi e Raffaele Marra “solo uno dei 23mila dipendenti del Comune di Roma”. Per fortuna almeno sulla faccenda Stadio sta indagando non solo il Tribunale, ma anche la Corte dei Conti: lì se si risulta colpevoli i rimborsi non ce li deve mettere il cittadino innocente di tasca sua come in questo caso, ma direttamente il politico che ha fatto scelte forsennate…

-Gabriele Simongini e Massimiliano Tonelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI

9 COMMENTS

  1. Rubano uno stabile e Bergamo li loda e li promuove? 28 mln ora dovrebbe metterli De Finis invece di far pagare ai contribuenti i suoi capricci criminali.

    • rosicare

      ro·si·cà·re/

      transitivo

      1.

      Rodere a poco a poco, rosicchiare: r. una pannocchia; anche tr. pronom. : rosicarsi un torsolo di mela; prov. chi non risica non rosica, bisogna rischiare per ottenere qualcosa.

      intransitivo

      1.

      regionale

      e gerg. Rodersi per la rabbia, la gelosia o l’invidia.

        • ahahahah andate a dirlo ai regazzini in Via Napoleone III và invece di prendervela con l’unica esperienza virtuosa in Italia degli ultimi anni… a rosiconiiiii

      • deficiènte agg. e s. m. e f. [dal lat. deficiens -entis, part. pres. di deficĕre «mancare»].

  2. Che cosa succederà alle opere d’arte donate al museo? Sono state anch’esse poste sotto sequestro? Verranno distrutte?

  3. Esposizione mediatica per i 40 milioni risparmiati con la riduzione dei vitalizi proposta dai grillini (incostituzionale ed oltre a rimettere i 40 milioni, i contribuenti dovranno pagare pure le penali dopo i ricorsi). 27,9 mln a carico dei contribuenti per uno delle centinaia di stabili rubati esaltato dai grillini passano sotto silenzio.

Comments are closed.