Phillips New York cambia sede. La casa d’aste si sposta nella torre di vetro a 432 Park Avenue

Da tempo ormai la casa d’aste fondata nel 1796 sollevava le critiche delle riviste internazionali di settore, per via della scarsa visibilità dell’attuale sala di vendita. Phillips così si sposta di pochi metri ma approda nella “torre residenziale più alta dell’emisfero occidentale”…

432 Park Avenue Cube, photo Courtesy Phillips
432 Park Avenue Cube, photo Courtesy Phillips

Anno nuovo, vita nuova e anche dimora nuova. In vista del 2019, Phillips – casa d’aste fondata nel 1796 e con sedi a New York e Londra, oltre ad avere uffici dislocati in diverse città del mondo, tra cui Ginevra, Mosca, Parigi, Tokyo, Hong Kong e Seoul – ha deciso di spostare la propria sede della Grande Mela: dall’attuale 450 di Park Avenue, la casa d’aste si trasferirà al 432, indirizzo della torre residenziale più alta dell’emisfero occidentale del pianeta, oggi tra gli edifici più riconoscibili e iconici dello skyline di New York.

LA COLONNA “DI TROPPO”

A 432 Park Avenue, Phillips occuperà oltre 5mila metri quadrati di spazio commerciale, incluso il Park Avenue Cube, struttura di vetro bianco che rimarrà accesa anche la notte di oltre 400 metri quadrati. La casa d’aste inoltre occuperà l’atrio sotterraneo senza colonne di 2.700 metri quadrati, con accesso diretto da Park Avenue. Non è un caso che la casa d’aste, nella nota stampa che comunica il trasferimento nel nuovo spazio, abbia sottolineato che l’ampio atrio sotterraneo sia privo di colonne: tra le riviste internazionali d’arte, Phillips è nota per la sua attuale sala di vendita in cui una grande colonna oscura la visione di ciò che accade sulla tribuna d’asta. Giusto per fare un esempio, Robin Pogrebin del New York Times una volta ha scritto: “sì, devi spesso sbirciare intorno a una colonna per vedere le opere d’arte in vendita da Phillips”.

LE NOVITÀ

“Siamo molto felici di trasferire la nostra sede di New York a 432 Park Avenue, la più straordinaria aggiunta allo skyline della città”, racconta Edward Dolman, Amministratore Delegato di Phillips. “Negli ultimi anni abbiamo registrato una crescita esponenziale e questa mossa rappresenta una pietra miliare per la nostra azienda, i nostri dipendenti e i nostri clienti, che beneficeranno tutti delle numerose opportunità presentate da questa espansione. La nuova location”, continua Dolman, “offre uno spazio espositivo all’avanguardia per presentare arte contemporanea, design, orologi e gioielli, e abbina l’impareggiabile ambientazione che offriamo ai collezionisti nella nostra galleria londinese di Berkeley Square a Mayfair”. Oltre alle aste e alle mostre, la nuova sede di Phillips ospiterà un caffè, un auditorium e gallerie di vendita private. L’ingresso agli uffici della casa d’aste, situato sulla 40 East 57th Street, sarà caratterizzato da un totem in vetro di 28 metri, ispirato al design della iconica torre di 96 piani.

– Desirée Maida

www.phillips.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.