Come tira la pittura. Il caso di Adrian Ghenie

Tenete a mente questo nome: Adrian Ghenie. Ha rappresentato la Romania alla Biennale di Venezia e sta facendo risultati importanti in asta. Scommettete che le quotazioni saliranno ancora?

Adrian Ghenie, Pie Fight Interior 8, 2012
Adrian Ghenie, The Fake Rothko, 2010

È giovane, è nato nel 1977, è romeno di Baia a Mare, vive tra Cluj e Berlino. Ed è già una star delle aste. Si chiama Adrian Ghenie. Nel suo studio, vicino all’Hamburger Bahnhof, uno dei musei più inspiring della capitale tedesca, dipinge “mondi” di grande formato, una pittura gestuale, casuale eppure avvolgente che è diventata la cifra dell’artista.
Laureato all’Università di Arte e Design di Cluj, è già stato protagonista di molteplici mostre personali che hanno visto il suo lavoro viaggiare a Denver, a Ghent, a Bucarest. Importanti collettive a Palazzo Grassi, alla Tate Liverpool, alla Biennale di Praga, al SFMOMA, tra le molte altre istituzioni, compongono un eccellente curriculum. Ciliegina sulla torta, ha rappresentato la Romania alla 56. Biennale di Venezia, protagonista del Padiglione nazionale (curato da Mihai Pop e con un ricco catalogo edito da Hatje Cantz). Risultato, peraltro, che ha permesso un incremento favorevole delle sue quotazioni anche in asta, come dimostrano gli ultimi risultati.

Un percorso veramente incredibile, quello di Ghenie nelle aste. Il biennio 2011 e 2012 vede le sue opere, seppure non di grandissimo formato (non superiamo mai il metro né per base né per altezza) attestarsi su cifre che non vanno oltre i 20mila euro. Nel 2013 due risultati migliori. A Londra, da Sotheby’s, oltre 200mila euro, e a Parigi 120mila con un quadro coevo. Nessuna scossa, però.
Si trema – vibrazioni positive – a partire dal 2014. Nella fattispecie da giugno, a Londra, dove un 2×2 metri del 2010, The Fake Rothko, viene battuto all’asta per 1 milione e quasi 500 mila euro da Sotheby’s. In autunno, da Christie’s The Blue Rain (2009) supera i 500mila. Un giorno dopo, The Duchamp Funeral I, sempre del 2009, 2 metri per 3, oltrepassa la soglia del milione alla casa d’asta concorrente.

Adrian Ghenie, The Fake Rothko, 2010
Adrian Ghenie, The Fake Rothko, 2010

Bisogna aspettare maggio 2015 per un nuovo “colpaccio”, che dimostra come l’artista abbia conquistato anche il mercato americano. Da Christie’s, a New York, il suo Pie Fight Interior 9 del 2013 viene battuto in asta per oltre 1 milione e mezzo di dollari. Chi sa cosa riserverà il dopo-Biennale? C’è solo da attendere per saperlo.

Santa Nastro

http://darwinsroom.ro/

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #27

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.