Arte Fiera 2022 a Bologna. Novità, allestimenti, sezioni e gallerie della 45esima edizione

Dopo l’annullamento dell’edizione in programma nel 2021, Arte Fiera torna a Bologna tra meno di due mesi, dal 21 al 23 gennaio 2022, con 139 gallerie e nuovi allestimenti e percorsi di visita. Ecco come sarà

Arte Fiera 2020
Arte Fiera 2020

È stata l’ultima fiera tenutasi in Italia prima dell’inizio della pandemia, a poche settimane dal primo lockdown. L’edizione 2021 è stata invece annullata, e al suo posto è stata proposta al pubblico un’iniziativa digitale dal titolo PLAYLIST. Oggi Arte Fiera, la fiera d’arte moderna e contemporanea che si tiene a Bologna dal 1974, rivela le anticipazioni sulla sua prossima edizione, in programma dal 21 al 23 gennaio 2022. A guidare la fiera sarà, per la terza edizione consecutiva, Simone Menegoi, che così commenta il ritorno in presenza della manifestazione: “dopo aver gestito in modo responsabile e trasparente gli effetti della crisi pandemica, Arte Fiera si ripresenta a testa alta con una selezione di gallerie senza cedimenti qualitativi e che si arricchisce anzi di alcune interessanti new entries, con allestimenti rinnovati, con un percorso di visita più razionale ed efficiente”.

ARTE FIERA 2022. GLI SPAZI E GLI ALLESTIMENTI

La fiera sarà distribuita tra i padiglioni 15 e 18 di BolognaFiere, dedicati rispettivamente al contemporaneo e all’arte del XX secolo. Il nuovo percorso di accesso permetterà al pubblico di scegliere liberamente quale padiglione visitare per primo; inoltre verrà prestata maggiore attenzione all’allestimento degli stand, come spiega Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere: “la Società ha deciso, in un momento come quello attuale, di dare ad Arte Fiera, con un importante investimento, nuovi allestimenti che valorizzeranno ulteriormente l’immagine della manifestazione e le proposte delle Gallerie. Siamo felici di dare appuntamento a gennaio 2022, a Bologna, per un’Arte Fiera che accoglierà i tanti appassionati e gli operatori del mondo dell’arte con proposte artistiche di qualità e che sarà ancora più piacevole da visitare e da vivere”.

ARTE FIERA 2022. LE SEZIONI E LE GALLERIE PARTECIPANTI

Parteciperanno alla fiera 139 gallerie, suddivise tra Main Section (che spazia dal Moderno e dall’arte postbellica fino al contemporaneo di ricerca con un forte accento sull’arte italiana, con stand monografici o curati che approfondiscono un movimento o una tendenza dell’arte del XX secolo), Pittura XXI (a cura del critico e curatore indipendente Davide Ferri, consiste in una panoramica della pittura italiana e internazionale del nuovo millennio, spaziando dai talenti emergenti agli artisti mid-career che hanno riscontrato nelle scorse edizioni della fiera consenso di addetti ai lavori e pubblico), Focus (sezione dedicata al moderno e al Dopoguerra storicizzato a cura dello storico dell’arte Marco Meneguzzo, quest’anno si concentrerà sulla cosiddetta “arte esatta” (che comprende arte cinetica, arte programmata ed esperienze affini) tra fine anni Cinquanta e anni Settanta), Fotografia e Immagini in movimento (a cura della piattaforma Fantom rappresentata da Selva Barni, Benedetta Pomini, Ilaria Speri, Massimo Torrigiani e Francesco Zanot, la sezione si focalizza su fotografia, video e altri media). La lista completa degli espositori è consultabile qui.

– Desirée Maida 

Bologna // dal 21 al 23 gennaio 2022
Arte Fiera
BolognaFiere
Viale della Fiera, 20
www.artefiera.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.