Modenantiquaria, al via la 32esima edizione della fiera sull’antiquariato più longeva d’Italia

Giunta alla sua 32esima edizione, la fiera dedicata al collezionismo e all’antiquariato più longeva d’Italia torna anche quest’anno a Modena per affermarsi come un punto di riferimento per gli appassionati e gli esperti del settore, non tralasciando la possibilità di attrarre nuovi target di pubblico

Modenantiquaria, immagine della fiera
Modenantiquaria, immagine della fiera

Inaugura oggi 10 febbraio e si protrarrà fino a giorno 18 Modenantiquaria, la più antica e longeva fiera antiquaria in Italia giunta alla sua 32esima edizione. Presso il quartiere fieristico di Modena, anche quest’anno la manifestazione proporrà tre diverse sezioni tematiche: Modenantiquaria, la principale, dedicata all’antiquariato e al collezionismo, Petra, rivolta alla decorazione e al design per esterni, e infine Excelsior, rassegna sulla pittura italiana dell’Ottocento e del Novecento.

Modenantiquaria, immagine della fiera
Modenantiquaria, immagine della fiera

LA FIERA SULL’ANTICO CHE GUARDA AL FUTURO

Patrocinata dall’Associazione Antiquari d’Italia e da FIMA – Federazione Italiana Mercanti d’Arte, Modenantiquaria da quest’anno ambisce ad affermarsi anche a livello europeo come un “grande salotto internazionale dell’antiquariato, un punto di incontro per collezionisti, appassionati, arredatori ed esperti”, con un progetto di restyling generale che prevede il rinnovamento dell’immagine della manifestazione per attrarre nuovi target di pubblico, oltre a una nuova organizzazione logistica che garantirà maggiori servizi agli espositori e ai visitatori. “Modenantiquaria 32 sarà un evento frizzante, vivacissimo, fresco”, spiega Paolo Fantuzzi, Amministratore Delegato di Modena Fiere, “capace di calamitare, come già ha cominciato a fare nelle più recenti edizioni, quei pubblici nuovi che sono indispensabili a garantire vitalità a un settore che sembrava essersi arenato. Il record di 36mila visitatori superato da Modenantiquaria 31 testimonia, insieme alla vivacità commerciale, l’avvenuto giro di boa”.

Modenantiquaria, immagine della fiera
Modenantiquaria, immagine della fiera

L’INTERESSE DEL PUBBLICO E LE PROSPETTIVE DI MERCATO

“Vogliamo essere la manifestazione di riferimento per chi cerca l’eccellenza e ama confrontarsi con un’offerta ampia e diversificata, qui ottimamente garantita”, continua Fantuzzi. “È stata confermata la sezione Excelsior, dedicata al miglior Ottocento e Novecento. Così come è stata confermata la fortunata concomitanza con Petra, la grande mostra mercato degli arredi da giardino e country. La contemporaneità delle due manifestazione si è dimostrata decisamente importante. Le due fiere si rivolgono a pubblici contigui, spesso comuni ad entrambe. Petra”, sottolinea Fantuzzi, “per sua natura, è più intrigante e calamita un pubblico giovane e curioso – i trentenni e i quarantenni – che la contiguità delle due manifestazioni veicola anche verso Modenantiquaria, con interessantissimi effetti sia di avvicinamento che di acquisti. Come, per converso, risulta importante per Petra la vicinanza con Modenantiquaria”.

– Desirée Maida

www.modenantiquaria.it

Evento correlato
Nome eventoModenantiquaria 2018
Vernissage09/02/2018 ore 19 su invito
Duratadal 09/02/2018 al 18/02/2018
Generefiera
Spazio espositivoMODENA FIERE
IndirizzoViale Virgilio 70/90 - Modena - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.