Al Cinema Pepe del Lido di Venezia arriva la rassegna cinematografica PLUFF-Moving Images

Il ciclo di proiezioni e incontri organizzato da Biennale Urbana e Lieux Infinis, in collaborazione con MOVIES Master in Moving Images Arts, si svolgerà dal 5 al 6 settembre presso il cinema costruito all’interno dell’ex Caserma Pepe al Lido nell’ambito di un progetto presentato dal Padiglione Francese alla Biennale Architettura di Venezia

Soleil chaud, poisson des profondeurs, 2018
Soleil chaud, poisson des profondeurs, 2018

Poche settimane fa vi parlavamo di Esperienza Pepe, progetto presentato dal Padiglione francese nell’ambito della 16. Biennale Architettura di Venezia che proponeva un’iniziativa di temporary use all’interno degli spazi abbandonati dell’ex Caserma d’Artiglieria Guglielmo Pepe al Lido. Un’operazione di riattivazione architettonica che ha visto i collettivi Parasite 2.0 e Agreements to Zinedine-ATZ,in collaborazione con gli studenti dell’Università Iuav di Venezia e del MADE Program-Accademia di Belle Arti di Siracusa, impegnati nella realizzazione di Cinema Pepe, installazione artistica costituita da una serie di strutture modulari costruite a partire da elementi come morali in legno, palle mediche, cinghie e griglie plastiche anti-corrosione, combinati insieme per realizzare sedute e spalti di diverse tipologie. La struttura così progettata ospiterà rassegne cinematografiche per tutta la durata della concessione dello spazio: il primo appuntamento in calendario è PLUFFMoving Images, ciclo di proiezioni e incontri organizzato da Biennale Urbana e Lieux Infinis in collaborazione con MOVIES Master in Moving Images Arts in programma nelle serate del 5 e 6 settembre.

IL PROGRAMMA

SET STILL PETERMLLER
SET STILL PETERMLLER

Il 5 settembre saranno proiettati i film di Peter Miller Set (2016), Eidola (2014), Ten minutiae (2013) e Sounds like (2016) e di Basir Mahmood Manmade (2010), My father (2010), A message to the sea (2012), Power between Weak(2015), Monument of arrival and return (2016) e Good ended happily (2018). Nella serata del 6 invece sarà la volta di Juliana Borinski con Sine (2006), Sine reco(r)ded (2008), Lee Filters vol. I (2016), The Getty (2018), Who shot Chris Burden (2018), e di Jean-Baptiste Lenglet con Amnésie générale (2016), Les temps incertain (2016), e Soleil chaud, poisson de profondeur (2018). Al termine delle proiezioni, i curatori della rassegna Philippe-Alain Michaud, Enrico Camporesi e Jonathan Pouthier dialogheranno con gli artisti.

IL PROGETTO

Sine (digitalanalog converter)
Sine (digitalanalog converter)

PLUFF Moving Images è il primo progetto del master MOVIES, un percorso formativo che inizierà il prossimo novembre presso l’Università Iuav di Venezia e che coinvolge in questa occasione alcuni dei suoi docenti e dei suoi partner in uno scambio fra arte, istituzioni e territorio. MOVIES si propone di fornire conoscenze e competenze per svolgere attività altamente qualificate legate al mondo delle immagini in movimento e di inserire chi lo frequenta all’interno di un sistema di relazioni tra filmmaker, studiosi, curatori e istituzioni dove l’arte viene prodotta ed esposta. La docenza del percorso formativo è affidata a Rosa Barba, Carloni-Franceschetti, Danilo Correale, Andrea Lissoni, Philippe-Alain Michaud, Peter Welz, Zapruder Filmmakersgroup. È possibile iscriversi al master fino al 14 settembre. È possibile avere ulteriori informazioni sul programma, la docenza e i partner a questo link.

www.mov-ies.eu

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.