Autunno autogestito

Questa lettera è indirizzata a tutti gli studenti: a chi ha occupato, a chi è stato in autogestione e a chi faceva regolarmente lezione. L’autrice è sempre lei, Maria Rosa Sossai con le sue “Lettere da una prof”.

Autogestione

Cari studenti,
il periodo che precede le vacanze di Natale, si sa, è un momento particolare dell’anno scolastico, perché da anni coincide con le occupazioni delle scuole o con le autogestioni. Come ogni anno, mi confronto con voi cercando di non esprimere giudizi e dicendo a me stessa che quello che conta è la vostra intenzione di cambiamento e partecipazione, che nella maggior parte dei casi è sincera, anche se apparentemente sembra che tutto si ripeta uguale: cambiano i volti ma non le situazioni, gli intenti, i contenuti.
Credo fermamente che questi momenti di confusione e protesta siano l’occasione per riflettere sui principi di democrazia e condivisione che dovrebbero regolare le attività all’interno della comunità scolastica, dove vivete gran parte della giornata. Quando finirete la scuola sarà difficile ritrovare occasioni simili, quindi è bene farlo ora.
Avete spesso chiesto la mia opinione a riguardo e vi ho risposto che credo nell’autogestione, anzi sogno una scuola autogestita da coloro che ne sono protagonisti. Mi avete guardato con meraviglia e allora la fantasia ci ha preso la mano, abbiamo iniziato a immaginare come sarebbe la vostra scuola, abbiamo stilato un progetto ed ecco i risultati: sicuramente sarebbe obbligatorio lo studio delle materie di indirizzo, tre lingue straniere e la lingua italiana. Tutte le altre materie a scelta; alcuni di voi vorrebbero fare teatro – naturalmente in lingua straniera, dato che frequentate un liceo linguistico -, altri invece preferirebbero studiare cinema, altri ancora seguire un corso di poesia o un corso di musica, filosofia e tante ancora. Era meraviglioso vedere come nelle vostre voci si accendeva l’entusiasmo per un progetto che era frutto delle vostre menti. Abolireste i compiti a casa perché diventerebbero attività pomeridiane da svolgersi a scuola insieme ai professori. Vorreste invitare a parlare delle persone esterne che potrebbero trattare argomenti che normalmente non fanno parte del curriculum ma che ritenete altrettanto importanti per aprire un dialogo con la realtà esterna. Metodologicamente lavorereste in gruppi e in assetto laboratoriale.

Laboratorio di Comunicazione militante. Fabbrica di Comunicazione - Festa dell’occupazione. Facciata della chiesa e gonfiabile - 20 novembre 1976 - Ex Chiesa di San Carpoforo - photo Fabio Cirifino - courtesy Studio Azzurro
Laboratorio di Comunicazione militante. Fabbrica di Comunicazione – Festa dell’occupazione. Facciata della chiesa e gonfiabile – 20 novembre 1976 – Ex Chiesa di San Carpoforo – photo Fabio Cirifino – courtesy Studio Azzurro

Personalmente ho sottolineato l’importanza di avviare dei workshop con artisti che possono aiutarvi a sviluppare le vostre attitudini e le vostre potenzialità creative. E sicuramente sarebbero aboliti le interrogazioni e i giudizi: ogni studente sarebbe responsabile del proprio percorso di formazione. Il ruolo dei docenti non sarebbe più quello di giudicare e valutare ma di educare e accompagnarvi lungo il cammino. A fine anno ognuno di voi, insieme ai docenti e agli altri studenti, sarebbe in grado di quantificare la maturazione raggiunta e le conoscenze acquisite. Al posto delle bocciature ci sarebbero dei corsi di recupero e potenziamento.
Dopo l’elaborazione di questa fantastica rivoluzione, eravamo tutti consapevoli che era solo un sogno, ma ci sentivamo bene perché avevamo esercitato la libertà di pensiero. Non è forse così che si inizia a cambiare il mondo?

Maria Rosa Sossai

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #17

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Maria Rosa Sossai
Maria Rosa Sossai è ricercatrice nel campo delle pratiche artistiche e delle politiche dell’educazione. Nel 2012 ha fondato ALAgroup – Accademia Libera delle Arti, un collettivo indipendente che concepisce la pratica curatoriale e artistica come un processo di conoscenza condiviso, e che continua la ricerca iniziata nel 2008 con l’associazione per l’educazione all’arte esterno22. Con ALAgroup, ha curato mostre, residenze e workshop, tra i quali: “Literary Creation”, sezione della Mediterranea 18 Young Artists Biennale, Tirana; “We+Museum= To Dream a Vision or to Vision a Dream?” degli artisti Driant Zeneli e Valentina Bonizzi presso Campus in Camps a Betlemme; “Un’educazione”, ciclo di laboratori e mostre di artisti italiani e internazionali al FAI - Villa e Collezione Panza a Varese; il workshop e la mostra “Quale Educazione per Marte?” dell’artista Valerio Rocco Orlando. Dal 2013 al 2015 ha diretto AlbumArte spazio | progetti per l’arte contemporanea di Roma. Ha curato mostre e progetti in gallerie, fondazioni e musei in Italia e all’estero, tra gli altri al museo MAN di Nuoro, al Tel Aviv Museum, al SongEun ArtSpace di Seoul, alla Krishnamurti Foundation di Bangalore. A Roma ha collaborato con la Fondazione Pastificio Cerere, l’Istituto Polacco, la Nomas Foundation, the American Academy, la Real Academia de España. Con gli Istituti Italiani di Cultura di Tel Aviv e Seoul. Scrive per le riviste di arte contemporanea Flash Art, Arte e Critica, Artribune, Shifter, VLNA. Ha pubblicato i libri “Vivere insieme l’arte come azione educativa” (Torri del vento, Palermo 2017), “Arte video, storie e culture del video d’artista in Italia” (Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2002) e “Film d’artista, percorsi e confronti tra arte e cinema” (Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2009).