Ancora nomine. Marta Donzelli è la nuova Presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia

Dopo la nomina di Gabriel Zuchtriegel a direttore del Parco Archeologico di Pompei – che ha sollevato polemiche da parte di chi crede che il 40enne archeologo tedesco sia troppo “giovane” per questo ruolo –, Franceschini nomina il nuovo presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia: si tratta della produttrice cinematografica Marta Donzelli (classe 1975), che succede al 76enne Felice Laudadio. Tempo di svecchiamento ai vertici della cultura italiana?

Marta Donzelli
Marta Donzelli

Mese di febbraio carico di novità per il Ministero della Cultura che, dopo la nomina di Gabriel Zuchtriegel a nuovo direttore del Parco Archeologico di Pompei, in queste ore ha svelato il nome del nuovo Presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia: si tratta di Marta Donzelli, produttrice cinematografica che prenderà il posto di Felice Laudadio. Dario Franceschini ha così avviato le procedure di nomina del Presidente e del Cda della Fondazione CSC, che sarà composto dall’attrice Cristiana Capotondi, dall’avvocato Guendalina Ponti e dal giornalista, sceneggiatore e attore Andrea Purgatori.

TEMPO DI NOMINE: CULTURA (E VERTICI) VERSO LO SVECCHIAMENTO?

“Sono felice che Marta Donzelli e gli altri componenti del Cda abbiano accettato questo prestigioso incarico. Sono certo che sapranno guidare con visione il Centro Sperimentale e affrontare le numerose sfide che l’era digitale impone al cinema e all’audiovisivo”, è stato il commento di Franceschini, che ha augurato “buon lavoro a Donzelli e all’intero Cda. Dopo la nomina di Zuchtriegel a Pompei, un altro salto generazionale con una donna Presidente dinamica e innovativa”. Nata nel 1975, Donzelli succede al 76enne Laudadio, e la sua nomina arriva a pochi giorni dalla tanto dibattuta nomina di Gabriel Zuchtriegel a Pompei: il quarantenne archeologo tedesco, già direttore del Parco di Paestum e Velia (dove è arrivato a 34 anni), è stato oggetto di critiche circa la sua “giovane” età. Alla notizia dell’avvenuta nomina, due dei quattro componenti del Consiglio scientifico del Parco, Irene Bragantini (Verona, 1948) e Stefano De Caro (Boscoreale, 1950), hanno deciso di dimettersi dal loro ruolo. Simili polemiche si erano già presentate quando Zuchtriegel venne nominato direttore del Parco di Paestum, sempre a causa della sua età, come ricordato dallo stesso Franceschini: “lui ha smentito tutti con gli straordinari risultati ottenuti, e oggi si metterà a disposizione di Pompei che è un luogo a cui tutto il mondo guarda e attende che il cambiamento vada avanti e migliori ancora di più”. Della stessa opinione è anche l’ex direttore di Pompei, Massimo Osanna, che ha sottolineato: “il fatto che Zuchtriegel abbia appena quarant’anni non penso possa essere un motivo per non ritenerlo all’altezza. Anzi, credo che sia un valore ed un grande segnale di apertura verso le nuove generazioni”. E questi, molto probabilmente, potrebbero non essere gli unici casi di svecchiamento – o come lo ha chiamato Franceschini, “salto generazionale” – che attende il mondo della cultura italiano, sempre più proiettato verso le sfide della contemporaneità.

Dario Franceschini
Dario Franceschini

CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA: I COMPONENTI DEL NUOVO CDA

Fondata nel 1935, la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia è articolata in due principali sezioni: la Scuola Nazionale di Cinema, impegnata da ottant’anni nella formazione d’eccellenza per le professioni del cinema, e la Cineteca Nazionale, uno dei più antichi e importanti archivi cinematografici del mondo. La nuova Presidente del CSC, la produttrice cinematografica Marta Donzelli (Torino, 1975), dopo la laurea in Filosofia ha conseguito un dottorato con una tesi su Edmund Husserl. Nel 2004, insieme a Gregorio Paonessa, ha fondato la Vivo film, casa di produzione indipendente con un catalogo di film selezionati e premiati dai più prestigiosi festival internazionali. È stata per molti anni responsabile della segreteria editoriale della Donzelli editore, “Maestra” del College di Cinema della Scuola Holden di Torino per il biennio 2017/2019 e membro della giuria dei festival di Torino, Rotterdam e Karlovy Vary. Componente del comitato di direzione dell’Anica, nel dicembre 2020 Donzelli è stata eletta nel Board dell’EFA, la European Film Academy.
Cristiana Capotondi (Roma, 1980) inizia la sua carriera di attrice nel 1993, alternando film d’autore e commedie per il grande pubblico, mini serie tv e qualche esperienza estera. Nel 2014 esordisce alla regia con un cortometraggio sociale e un racconto di quindici minuti su Il Corriere della sera, Milano2015. Nel gennaio 2016 idea e produce fuoricinema, manifestazione cinematografica milanese dall’anima pop che ha ottenuto importanti riconoscimenti. È laureata in Scienze della comunicazione all’Università La Sapienza di Roma ed è fondatrice dell’associazione culturale IoSono. È socia fondatrice dell’Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo e Cavaliere della Repubblica Italiana.
L’avvocato Guendalina Ponti è specializzata in diritto d’autore, diritto cinematografico, proprietà intellettuale e in diritto internazionale cinematografico. Assiste le più importanti società italiane di produzione cinematografica e televisiva e “studios” Europei e USA nella loro attività di produzione e distribuzione in Italia.
Giornalista professionista dal 1974, Andrea Purgatori (Roma, 1953) nel 1980 ha conseguito il Master of Science in Journalism presso la Columbia University di New York. Inviato del Corriere della Sera dal 1976, in Iraq, Iran, Algeria, si è occupato di terrorismo nazionale e internazionale come il rapimento di Aldo Moro, la strage di Ustica e di delitti di mafia. È sceneggiatore di film per il cinema e la televisione e autore di saggi e romanzi, docente di sceneggiatura al Centro sperimentale di cinematografia e all’Accademia d’arte drammatica Silvio d’Amico, e membro del Direttivo dell’Accademia del cinema italiano e dell’European Film Academy. È stato Presidente di Greenpeace e consigliere di gestione della Siae in rappresentanza degli autori di cinema italiani.

– Desirée Maida

www.fondazionecsc.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.