L’Oro nei Secoli dalla Collezione Castellani

Arezzo - 16/04/2014 : 02/11/2014

La mostra presenta, attraverso una importante selezione di gioielli, di documenti d’archivio, e un innovativo allestimento multimediale, la storia dell’oreficeria italiana nel XIX secolo.

Informazioni

  • Luogo: BASILICA DI SAN FRANCESCO
  • Indirizzo: Piazza S. Francesco, 1 - Arezzo - Toscana
  • Quando: dal 16/04/2014 - al 02/11/2014
  • Vernissage: 16/04/2014 ore 11.30
  • Curatori: Alfonsina Russo, Ida Caruso
  • Generi: arti decorative e industriali
  • Orari: tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 - orario bottega tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00
  • Biglietti: Ingresso solo mostra 5 euro - Ingresso mostra con biglietto Basilica di S. Francesco - affreschi di Piero della Francesca, o con biglietto cumulativo Basilica di S. Francesco - affreschi di Piero della Francesca, Museo di Casa Vasari e Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate 2 euro - Ridotto over 65 e fascia da i 6 ai 18 anni 3 euro - Gratuito per i minori di 6 anni, portatori di handicap con un accompagnatore, insegnanti accompagnatori delle scuole, personale MIBAC con tesserino, giornalisti con tesserino.
  • Editori: PALOMBI

Comunicato stampa

La Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio, per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico per la Provincia di Arezzo, insieme a Mosaico e Munus, le società concessionarie per la gestione del sito museale della Basilica di San Francesco con gli affreschi di Piero della Francesca, del Museo di Casa Vasari e del Museo Archeologico Nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” e dell’Anfiteatro Romano, presentano la mostra L’ORO NEI SECOLI dalla Collezione Castellani


La mostra curata da Alfonsina Russo, Soprintendente per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, e da Ida Caruso, avrà luogo dal 16 aprile al 2 novembre 2014 nei prestigiosi spazi espositivi della Basilica di San Francesco ad Arezzo, restaurati in occasione dell’anniversario vasariano.


La mostra presenta, attraverso una importante selezione di gioielli, di documenti d’archivio, e un innovativo allestimento multimediale (che prevede l’animazione di tre importanti dipinti: il Sant'Eligio nella bottega di un orefice, Petrus Christus, 1449, New York, Metropolitan Museum, La bottega dell'orefice, Alessandro Fei, 1571, Firenze, Palazzo Vecchio e il Retablo di Sant'Eligio, Maestro di Sanluri, Pinacoteca Nazionale di Cagliari), la storia dell’oreficeria italiana nel XIX secolo in un momento culturale e politico di grande fermento, in cui predominano le vicende dell’Unità d’Italia e le grandi scoperte archeologiche nel Lazio e in Etruria.






Protagonista principale dell’esposizione è la famiglia Castellani, che rappresenta un punto di riferimento imprescindibile quando si parla di oreficeria italiana. I suoi esponenti furono raffinati collezionisti, cultori del mondo classico e soprattutto eccellenti e abilissimi orafi, che dettarono per un secolo in Europa e nel mondo una nuova moda, quella del “gioiello archeologico”.
Uno dei più importati meriti dei Castellani fu quello di essere riusciti a riscoprire e ad affinare le tecnologie antiche, riuscendo perfettamente a riprodurre le tecniche originarie della granulazione e della filigrana, fino a giungere ad ottenere quella particolare tonalità giallo intenso, tipica dell’oro antico, sui gioielli moderni, ricreando così quel particolare colore caratteristico dell’oro etrusco, definito dagli stessi Castellani “giallone”.


Gli anni cinquanta e sessanta dell’Ottocento segnano il più alto momento dei Castellani, la bottega conosce grandissimi successi arrivando fino a Parigi e Vienna, divengono tra i più richiesti orafi, ricevendo addirittura ordinazioni dalla casa Savoia e dalla casa Reale Inglese. Fu alla fine degli anni ottanta che la famiglia Castellani conobbe la sua parabola discendente e nel 1919, per volere dell’ultimo erede, Alfredo Castellani, l’intera collezione passò allo Stato italiano e fu accolta dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, da cui provengono la maggior parte dei prestiti di questa esposizione.
Nel 1927 con la chiusura definitiva della bottega, terminava anche la lunga e infaticabile saga di questi raffinati artigiani, che hanno saputo conferire prestigio e fama alla tradizione orafa italiana e a quel “made in Italy” che allora come oggi afferma con orgoglio la propria eccellenza e unicità, anche ed in particolare nella città di Arezzo.








La mostra è arricchita da un’antica bottega orafa, ricreata appositamente per la mostra grazie alla collaborazione di Argenterie Giovanni Raspini. Nella bottega, arredata con antichi coralli, vasi e stampe del settecento, i visitatori avranno la possibilità di ammirare un orafo al lavoro al suo banco con tutti gli strumenti del mestiere. Cesello, utensili per ottenere l’antica lavorazione a sbalzo e una macchina schiacciafilo insieme ad un laminatoi completano la bottega, immergendo il visitatore nell’atmosfera operosa degli artigiani orafi del tempo.