La Sindone e l’impronta dell’arte

Sansepolcro - 14/03/2015 : 15/04/2015

La mostra trae spunto da un tema enigmatico come quello della sacra Sindone: il telo su cui risultano impresse misteriosamente (forse miracolosamente) le forme di un uomo morto in croce, che per molti studiosi e per moltissimi credenti è Gesù.

Informazioni

Comunicato stampa

Appuntamento d’eccezione quello proposto dal 15 marzo al 15 aprile dal Museo Civico di Sansepolcro che propone nelle proprie sale la mostra La Sindone e l’impronta dell’Arte, una rassegna di opere di artisti contemporanei perlopiù espressamente realizzate.
La mostra, proposta dal Comune di Sansepolcro e dalla Istituzione Museo Biblioteca Archivi storici Città di Sansepolcro, si inserisce nell’ambito di una programmazione già consolidata per la sensibilizzazione e la diffusione dei linguaggi della cultura contemporanea.
Curata da Demetrio Paparoni, la mostra include opere di Francesco Clemente, Helgi Fridjonsson, Daniele Galliano, Rafael Megall, Tony Oursler, Mimmo Paladino, Nicola Samorì, Wang Guangyi


La mostra trae spunto da un tema enigmatico come quello della sacra Sindone: il telo su cui risultano impresse misteriosamente (forse miracolosamente) le forme di un uomo morto in croce, che per molti studiosi e per moltissimi credenti è Gesù.
Questo oggetto arcano, sollecitato e interrogato da teologi, scienziati, storici, si può per certi versi guardare come un oggetto d’arte, in quanto figura impressa sulla tela, se pure realizzata in modo non del tutto spiegabile, si direbbe per emanazione di energia. La Sindone è infatti un’immagine, anzi l’immagine per eccellenza della cultura cristiana, periodicamente esposta al pubblico per essere venerata, ma anche guardata con trepidazione, con ammirazione. Non sembra dunque provocatorio che da una “impronta” misteriosa per la scienza, ma sacra per chi crede, possano generarsi per osmosi altre “impronte” artistiche, altri segni, altre rappresentazioni.
Rapportandosi al tema del trascendente nell’arte contemporanea le opere degli artisti presenti in mostra interagiranno per un mese con i grandi capolavori di arte antica custoditi nel museo, tra i quali ricordiamo il Polittico della Madonna della Misericordia di Piero della Francesca, del quale il museo conserva anche gli affreschi staccati raffiguranti San Giuliano e San Ludovico; la Madonna col Bambino e due Cherubini e la Natività con l’Annuncio ai pastori di Andrea della Robbia; il Polittico di Matteo di Giovanni, la Madonna del Soccorso di Gerino da Pistoia; il Martirio di San Quintino del Pontormo, solo per citarne alcuni.
Il Museo civico di Sansepolcro ruota intorno a un’immagine-fulcro, ospitata nella parete della sala principale dell’allora Palazzo della Residenza: la Resurrezione di Piero della Francesca, la “pittura più bella del mondo” secondo Aldous Huxley. La Sindone e la Resurrezione: la morte e la promessa di vita eterna. Nella Sindone, anzi, sarebbe effigiata l’immagine del Cristo tormentato dalla Passione nell’attimo in cui il suo corpo glorioso si libera dal lenzuolo, diventa energia e raggio.

Francesco Clemente (Napoli, 1952. Vive a New York), Helgi Fridjonsson (Búdardalur, Dalasysla, Islanda, 1952. Vive a Reykjavík), Daniele Galliano (Pinerolo, Torino, 1961. Vive a Torino), Rafael Megall (Yerevan, Armenia, 1983. Vive a Yerevan), Tony Oursler (New York, 1957. Vive a New York), Mimmo Paladino (Paduli, Benevento, 1948. Vive a Paduli, Roma e Milano), Nicola Samorì (Forlì, 1977. Vive a Bagnacavallo, Ravenna), Wang Guangyi (Harbin, Cina, 1957. Vive a Pechino)

Come si arriva a Sansepolcro:
- autostrada A1 uscita Arezzo per poi proseguire sulla E 78 sino a Sansepolcro (km 35);
- superstrada E 45 (Roma-Cesena) uscita Sansepolcro
- in treno sino alla stazione di Arezzo per poi proseguire con il Servizio Autolinee