John Hilliard / Doug and Mike Starn – Look Twice

Bruzella - 11/09/2021 : 09/01/2022

La diciannovesima mostra organizzata dalla Fondazione Rolla è Look Twice che vede protagonisti l’artista inglese John Hilliard e gli americani Doug e Mike Starn.

Informazioni

Comunicato stampa

La diciannovesima mostra organizzata dalla Fondazione Rolla è Look Twice che vede protagonisti l’artista inglese John Hilliard e gli americani Doug e Mike Starn.

La mostra è composta da dodici opere di diversi formati, disposte negli spazi dell’ex asilo di infanzia in un delicato e vibrante dialogo. Le opere appartengono alla collezione privata di Rosella e Philip Rolla



Nel testo in catalogo Emma Nilsson scrive che l’incontro tra le opere di John Hilliard e quelle di Doug e Mike Starn offrono uno spaccato di due importanti punti di vista della fotografia concettuale di due generazioni diverse a confronto, alla ricerca dell’essenza stessa dell’immagine fotografica.

John Hilliard (1945) negli anni ‘60 studia arte prima al Lancaster College of Art, e poi alla Saint Martin’s School of Art di Londra. Comincia ad interessarsi alla fotografia per immortalare le sue installazioni artistiche arrivando poi ad esplorare la manipolazione del processo fotografico e i suoi limiti, secondo lui troppi.

Doug e Mike Starn (1961), gemelli identici, lavorano insieme da quando hanno tredici anni. Nel 1985 ricevono per la prima volta l’attenzione della critica per le loro fotografie strappate conferendo alla fotografia una fisicità pittorica e persino scultorea. “L’unico modo per la mente creativa di funzionare è attraverso l’anarchia [… ] La fotografia, di regola, ha troppe regole”.(cit.) Da allora combinano discipline tradizionalmente diverse come fotografia, scultura e architettura. Un particolare che emerge in catalogo e che li distingue è quello di volere le immagini dei loro lavori riprodotti con le cornici, in quanto parte integrante dell’opera stessa.

Biennale dell’immagine di Chiasso. 5 mostre da vedere

Una carrellata di mostre da non perdere nell’ambito della Biennale dell’immagine di Chiasso, in programma fino al 14 novembre. Con un occhio di riguardo per le piccole gallerie private.