Fabio Mauri – Riedizione di Ebrea

Bergamo - 27/01/2017 : 27/01/2017

Una riedizione della storica performance Ebrea, che affronta il tema della discriminazione razziale e della memoria dei campi di concentramento.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO DELLA RAGIONE
  • Indirizzo: Piazza Vecchia - Bergamo - Lombardia
  • Quando: dal 27/01/2017 - al 27/01/2017
  • Vernissage: 27/01/2017 ore 18,30
  • Autori: Fabio Mauri
  • Generi: performance – happening
  • Uffici stampa: STILEMA

Comunicato stampa

In occasione delle celebrazioni promosse dal Comune di Bergamo per il Giorno della Memoria, e coordinata con la mostra Fabio Mauri - Arte per legittima difesa – a cura di Giacinto Di Pietrantonio – che la GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo ospita fino al 15 gennaio, venerdì 27 gennaio il museo presenterà una riedizione della storica performance Ebrea, che affronta il tema della discriminazione razziale e della memoria dei campi di concentramento



Presentata per la prima volta nel 1971, in occasione di una mostra personale di Fabio Mauri alla Galleria Barozzi di Venezia, a cura di Furio Colombo e Renato Barilli, Ebrea mostrava già allora la tragicità, la forza, e quella carica esistenziale e politica tipiche della ricerca dell’artista degli anni successivi.

Protagonista della performance – ospitata per questa riedizione nella Sala delle Capriate di Palazzo della Ragione, in Città Alta – è una giovane ragazza, nuda. Immersa in una scena sacrale, la ragazza si taglia i capelli, con cui, su uno specchio, forma il simbolo della Stella di Davide.
Attorno a lei, una serie di oggetti svela allo spettatore la propria atroce natura attraverso piccole targhe di metallo: sono utensili d’uso quotidiano, complementi d’arredo, saponette, sci, finiture per cavalli realizzati con denti, pelle, capelli e ossa di ebrei.

L’espressività artistica della performance entra così in netto contrasto con l’agghiacciante contesto in cui è ambientata, portando lo spettatore a relazionarsi con la cruda e feroce realtà della Storia.

L’arte di Fabio Mauri torna ad essere protagonista in questa data significativa: già nel 2005, infatti, per il Giorno della Memoria l’artista aveva presentato al Teatro Sociale di Bergamo l’installazione Il Muro Occidentale o del Pianto e Gioiello-Laiback, una delle opere presenti nell’edizione originale di Ebrea; lavori che hanno raccontato il dolore, l’esilio e la discriminazione con l’intensità che da sempre contraddistingue le sue opere.

Si ringrazia lo Studio Fabio Mauri per il supporto alla realizzazione dell’evento.