Daiga Grantina – Atem Lehm Fiato e Argilla

Bergamo - 10/06/2021 : 29/08/2021

Per la sua prima personale in un'istituzione museale italiana, a cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni, l'artista lettone Daiga Grantina presenta un progetto site-specific pensato per lo Spazio Zero.

Informazioni

Comunicato stampa

Per la sua prima personale in un'istituzione museale italiana, a cura di Sara Fumagalli e Valentina Gervasoni, l'artista lettone Daiga Grantina presenta un progetto site-specific pensato per lo Spazio Zero: un nuovo corpus di opere realizzato prevalentemente con piume, legno, inchiostro, siliconi e tessuti che si offre allo sguardo dello spettatore come un insieme di entità scultoree che ne stimolano il sistema percettivo.

"Come possiamo delineare il colore?" si chiede e ci chiede l'artista, che costruisce la mostra alla GAMeC attorno a questa domanda e all'osservazione del colore verde in relazione alla materia e alla luce



A caratterizzare lo spazio sarà l'opera murale che cinge la sala. Una linea composta da unità quadrate di colore – disegnate o riempite di piume iridescenti blu e verdi, o costituite da legno dipinto – organizzata come una partitura musicale, che può vibrare, assorbendo e rilasciando diverse frequenze di colore e luce.

Il titolo della mostra riprende un verso in tedesco di una poesia di Paul Celan, per il quale il respiro è solitamente inscritto nella materia e nelle forme naturali; anche per Daiga Grantina il "fiato" che attraversa lo spazio espositivo, muovendo la materia e facendola vibrare sino a dissolverne i contorni, si radica in essa e nell'esperienza fisica che unisce percepente e percepito.