Cristian Boffelli – Il mondo galleggiante

Gorle - 19/01/2018 : 29/06/2018

una personale dedicata all’opera dell’artista diplomatosi a Bergamo. Curata da Luigi Radici, la mostra è organizzata da CNA Bergamo, che la ospita presso la propria sede, confermando l’impegno nell’arte come strumento di cultura d’impresa.

Informazioni

  • Luogo: CNA BERGAMO
  • Indirizzo: Via Roma, 85 – 24020 - Gorle - Lombardia
  • Quando: dal 19/01/2018 - al 29/06/2018
  • Vernissage: 19/01/2018 ore 18
  • Autori: Cristian Boffelli
  • Curatori: Luigi Radici
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

«Strani oggetti galleggiano nei mondi di Cristian Boffelli, oppure strani mondi galleggiano negli oggetti di Cristian Boffelli, che tanto è lo stesso». Bastano forse queste parole di Luca Mengoni, che ha curato l’introduzione critica al catalogo, a introdurre nel mondo di Cristian Boffelli, artista con lunghi trascorsi a Bergamo a cui CNA Bergamo dedica una mostra personale che sarà inaugurata al pubblico il 19 gennaio alle 18

Curata da Luigi Radici, artista e graphic designer di lungo corso, l’esibizione, a ingresso gratuito, è organizzata da CNA Bergamo, che la ospita fino al 29 giugno presso gli spazi della propria sede di Gorle (Bg), confermando il proprio impegno nelle arti figurative come motore di cultura d’impresa.

La mostra propone al visitatore un percorso che si snoda fra una ventina di opere di Boffelli, nato nel 1972 a Vaprio d’Adda (Milano) e diplomatosi nel 1991 presso il liceo artistico del capoluogo orobico. Un percorso in cui il visitatore indugia «tra l’identificazione di un soggetto e la ricostruzione degli elementi costruttivi dell’immagine: le linee, il colore, le superfici. Il primo è quasi sempre riconducibile a una umanità deviata, disumanizzata, dove appaiono in una specie di freak show i gobbi, i nani, i mostri, i grilli di Baltruišaitis, la donna barbuta, il cowboy con le tette, o animali vagamente antropomorfi; nei secondi invece troviamo la grazia, l’armonia e la leggerezza», scrive Luca Mengoni nell’accompagnamento critico al catalogo.
Un’opera «essenzialmente grafica: si riferisce sempre al linguaggio del disegno e all’atto di disegnare», continua Mengoni, che si confronta con mostri sacri del passato, tra cui l’esponente dell’astrattismo Paul Klee: «Il laboratorio creativo per disabili, dentro il quale ha speso molte energie, dove si è identificato e dove ha influenzato e alimentato l’universo di immagini che gli appartiene, si chiama infatti LPK: Laboratorio Paul Klee. Cristian scrive le sue immagini, compone la sua grafica, con grande competenza linguistica, con precisione, come scrive Klee, e abilità. Allo stesso tempo procede in senso contrario al comune sentire, contro il comune senso del dovere, contro il comune senso del pudore. Agita fantasmi indecifrabili, galleggianti in un mondo a sua volta sospeso, turbolento sì ma leggero e consolante».
Nel lavoro di Boffelli, insomma, «tutto allude alla nostra umanità, alla nostra esperienza esistenziale e ci interroga, ci riguarda, rimanendo sottilmente misterioso, opaco e inaccessibile».
La riflessione che sembra riproporsi, come un fiume carsico, è quella intorno al tema esistenziale. «È una leggerezza fisica, ma anche psicologica, angelica, quella che Cristian continua a “tener su” dentro le immagini. Lo fa muovendo da una vita confrontata anche con la sofferenza, con il dolore e la marginalità. Convoca nelle sue immagini un’umanità minore […]. L’uomo ha inventato l’arte per vincere la propria paura, per contrastare il sentimenti umano, solo umano, di non farcela. Nel lavoro di Cristian questa funzione primordiale resiste, continua ad agire», conclude Mengoni.


L’ARTISTA
Cristian Boffelli - Vaprio d’Adda (Mi), 1972
Si diploma al liceo artistico statale di Bergamo nel 1991 e all’accademia di belle arti di Brera Milano nel 1996. La sua prima mostra è del 1994: Incisione: divagazione sul tema (Galleria san fedele, Milano). Seguiranno: Quali differenze, nel 1995 (Galleria Arcadia nuova, Milano); Ultime notizie, (Accademia Carrara, Gamec, Bergamo); Raccolta di appunti,
nel 1998 (Galleria Punto d’incontro, Cassano d’Adda). Nel 1999 trascorre un periodo in Brasile, dove lavora presso i laboratori di stampa della Facultades estadudal integradas Guarulhos e dell’Universidade estadudal paulista

partecipando al Projeto novas imagens, una mostra itinerante San Paolo-Milano. Nel 2000 inizia la collaborazione con il laboratorio L.P.K. della cooperativa sociale Punto d’incontro di Cassano d’Adda (Mi), e avvia un laboratorio di incisione e stampa presso il centro di Pozzo d’Adda che, dal 1989, si dedica alla promozione dell’attività espressiva di persone diversamente abili attraverso il mezzo della pittura e della ceramica. Espone all’Ambient art gallery di Amsterdam con Grafreaks; con la personale Raccolta d’appunti allo SpazioOlim-Officina linguaggio immagine, a Bergamo; con la personale Cristian Boffelli alla Galleria Carlo Mazzi di Tegna (Svizzera); in Ouverture presso la Galerie Alexandre Mottier a Ginevra (Svizzera). Di recente (2015 e 2017) ha preso parte alla Biennale di Nakanojo a Gunma (Giappone). Nel 2016 le sue opere sono state esposte in Cinquantesima, presso la Galleria Carlo Mazzi di Tegna (Svizzera); Athanor, alla Fondazione Bandera per l’arte, a Busto Arsizio; Figure, una personale presso la Gallery S.Y.P. di Tokyo (Giappone); Arene abbandonate, durante il Festivalfilosofia alla Galleria ArteSì di Modena.
Vive e lavora a Vaprio d’Adda e Tokyo.

CNA Bergamo
CNA Bergamo è il livello confederale di base del sistema CNA, l’associazione nazionale di rappresentanza delle imprese artigiane, degli imprenditori e delle piccole medie imprese. La sua missione è rappresentare, tutelare e promuovere lo sviluppo delle imprese artigiane, delle micro, piccole e medie imprese. Questi obiettivi si traducono in
- rappresentanza degli interessi e dei valori delle imprese presso le istituzioni, la politica, i sindacati (CNA è presente nei tavoli dell’Eba-Ente bilaterale artigiano, dell’Edilcassa artigiana, della Camera di Commercio, di Bergamo Sviluppo, di Imprese e territorio)
- promozione economica e sociale delle imprese, attraverso progetti personalizzati e attività di consulenza a 360°
- predisposizione ed erogazione di servizi.
Un'organizzazione strutturata e diffusa, una struttura moderna che fornisce ai propri associati assistenza, informazioni e soluzioni innovative. CNA opera per la promozione sul territorio dell'artigianato e della piccola e media impresa, costruendo rapporti fattivi e continui con la Camera di Commercio, le istituzioni territoriali (Provincia, Comuni, ecc.), l'università e i centri del sapere e dell'innovazione, volti a consolidare e migliorare il posizionamento sul mercato del sistema imprenditoriale bergamasco. CNA elabora idee e proposte che confronta con i livelli locali di governo, con il proposito di determinarne la concreta affermazione. CNA è impegnata da sempre ad attuare e rispettare modelli di comportamento e di azione ispirati all’eticità e integrità, nonché al valore più generale della democrazia.
I numeri di CNA Bergamo: circa 4.000 associati, oltre 50 dipendenti al servizio delle imprese, 16 sedi decentrate nella provincia. Circa 80 corsi organizzati ogni anno, oltre 800 persone formate, 4 aule dedicate.