Sei alberghi, sei grandi artisti, i Sassi di Matera. Sono questi gli ingredienti di un progetto, Matera Alberga, che reinterpreta i valori cardinali della città: accoglienza, incontro e convivenza.

A cura di Francesco Cascino con la collaborazione di Christian Caliandro, Matera Alberga si svolge negli hotel che hanno recuperato il concetto degli antichi Vicinati.

IL TOUR

Il percorso parte dall’Hotel del Campo, l’unica struttura che non si trova nei Sassi e che funziona come una sorta di stargate, di porta d’apertura, andandosi poi a dipanare nel centro storico e costruendo una mappa virtuale attraverso l’esperienza dell’arte. Ogni albergo ospita infatti una installazione di un artista; tutti i lavori sono fruibili sia dagli ospiti che dai viaggiatori temporanei, così come dai cittadini che si riappropriano, grazie a esse, di antichi luoghi della memoria.
Il lavoro di Giuseppe Stampone (Double Face/Welcome to Matera) si colloca nell’Hotel del Campo, Rapporti di Filippo Riniolo è presso la Locanda di San Martino, Idra – Istituto di Ricerca Anime di Alfredo Pirri si trova nelle cisterne di Corte San Pietro, The Eternal Ear è l’opera sonora di Georgina Starr nella sala delle colazioni di Sextantio-Le Grotte della Civita; alle Dimore dell’Idris si trova invece La Fonte del Tempo di Dario Carmentano; infine si può esperire Motherless Child di Salvatore Arancio da Casa Diva.

LE PAROLE DEL CURATORE

Lavorando con sei artisti diversi (che speriamo diventino presto di più, perché altri alberghi hanno aderito ma stiamo aspettando sponsor e partner di questa bella operazione) che non hanno mai lavorato insieme, il curatore è l’unico trait d’union”, ha commentato Francesco Cascino, “l’unico che può cercare di portare gli artisti nella stessa direzione concettuale e culturale senza mai, neanche per un momento, pilotarne forzatamente le visioni, le idee, le soluzioni”. Con quali esiti? “Oggi possiamo dire che le installazioni permanenti di Matera Alberga parlano tutte dello stesso tema con linguaggi e media diversi, e questo non solo è una gioia immensa ma soprattutto il risultato di un grande lavoro di gruppo, di ascolto, di riflessione, comprensione, accoglienza e incontro”. 

Locanda San Martino, Matera
Locanda San Martino, Matera

A SCUOLA D’ARTE CONTEMPORANEA

Matera Alberga è un progetto di Matera 2019 realizzato in partnership con CAM – Consorzio Albergatori Materani e con il sostegno della Fondazione Carical, ed è arricchito da due programmi di formazione partecipativi: gli Art Thinking e gli Art Walking, a cura di Francesco Cascino insieme all’artista Dario Carmentano. Gli incontri proseguiranno da maggio a dicembre, dando vita inoltre a una serie di momenti pensati appositamente per gli studenti delle scuole superiori e per i bambini delle scuole medie.
Matera Alberga”, spiega Rossella Tarantino, manager di Sviluppo e Relazioni della Fondazione Matera Basilicata 2019, “è uno dei progetti del nostro programma culturale che, coerentemente con il dossier di candidatura, punta a sviluppare un nuovo paradigma della percezione del contesto storico e architettonico e una nuova relazione con gli ambienti che ci circondano, attraverso l’arte contemporanea. È una nuova narrazione di Matera 2019 che prova ad andare oltre gli stereotipi”.

– Marco Enrico Giacomelli

fino al 31 dicembre 2022
Matera Alberga
HOTEL DEL CAMPO
Via Lucrezio
www.hoteldelcampo.it
LOCANDA DI SAN MARTINO
Via Fiorentini 71
www.locandadisanmartino.it
CORTE SAN PIETRO
Via Bruno Buozzi 97B
www.cortesanpietro.it
SEXTANTIO-LE GROTTE DELLA CIVITA
Via Civita 28
www.legrottedellacivita.sextantio.it
DIMORE DELL’IDRIS
Via Madonna dell’Idris
www.dimoredellidris.it
CASA DIVA
Vico Giumella 3
www.casadivamatera.it

Evento correlato
Nome eventoMatera Alberga
Vernissage22/12/2018 ore 11
Duratadal 22/12/2018 al 20/04/2019
AutoriAlfredo Pirri, Salvatore Arancio, Giuseppe Stampone, Dario Carmentano, Georgina Starr, Filippo Riniolo
Generiarte contemporanea, serata - evento
Spazio espositivoHOTEL CORTE SAN PIETRO
IndirizzoVia Bruno Buozzi, 97, 75100 - Matera - Basilicata
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.