Tutto Ludwig Wittgenstein open source. Pubblicata l’opera integrale del filosofo austriaco

Dal Tractatus logico-philosophicus alle opere postume, gli scritti di Wittgenstein sono ora scaricabili gratuitamente e in più lingue. Iniziativa di Wikimedia Italia col contributo di numerosi traduttori

Ludwig Wittgenstein Project
Ludwig Wittgenstein Project

Sono passati 70 anni dalla morte di Ludwig Wittgenstein (Vienna, 26 aprile 1889 – Cambridge, 29 aprile 1951), tra i più importanti filosofi e logici britannici del Novecento. Un lasso di tempo che coincide, nella maggior parte di Unione Europea, Africa, Asia e Oceania, in parte dei Paesi dell’America Latina e in Canada, con il passaggio delle opere dell’autore allo stato di pubblico dominio. L’enciclopedia online a contenuto libero Wikimedia Italia, che come ogni anno ha festeggiato il 1° gennaio il Giorno del Pubblico Dominio, ha lanciato in occasione di questa ricorrenza il Ludwig Wittgenstein Project, mettendo tutta l’eredità del filosofo al servizio del web, e portando avanti uno scrupoloso lavoro di traduzione in più lingue per renderne i testi alla portata di un pubblico ancora più vasto.

Ludwig e Paul Wittgenstein, photo by Carl Pietzner, 1909
Ludwig e Paul Wittgenstein, photo by Carl Pietzner, 1909

LUDWIG WITTGENSTEIN PROJECT: L’INIZIATIVA DI WIKIMEDIA

Gestita da una comunità internazionale in crescita di traduttori e volontari, Ludwig Wittgenstein Project è un’iniziativa senza scopo di lucro, avviata alla fine del 2020 da Michele Lavazza, volontario dei progetti Wikimedia esperto di digital humanities. Tra i libri completi, ben formattati, scaricabili e gratuiti che la piattaforma offre, si trova il Tractatus logico-philosophicus, opera magna di Wittgenstein e l’unica uscita mentre era in vita. A questa seguono la Recensione di “La scienza della logica” di P. Coffey, Note sulla logica, Quaderni 1914-1916, Tractatus logico-philosophicus, Conferenza sull’etica, Osservazioni su “Il ramo d’oro” di Frazer, Libro marrone, Ricerche filosofiche, Osservazioni sui colori, scritti postumi disponibili in italiano oltre che in tedesco, inglese, francese, spagnolo, arabo e non solo. Un lavoro che ha impegnato 10 traduttori, provenienti da 6 paesi diversi, considerato il punto di partenza di un’iniziativa che rimane aperta a chiunque vorrà prenderne parte.

Wittgenstein's handwritten notes from 1914
Wittgenstein’s handwritten notes from 1914

LUDWIG WITTGENSTEIN SU WIKIMEDIA

L’obiettivo di Ludwig Wittgenstein Project è quello di ampliare la diffusione del pensiero di un filosofo in controtendenza rispetto alle tendenze del tempo corrente, che si oppose alle teorie psicoanalitiche (in particolare l’interpretazione dei sogni di Freud) orientando le proprie teorie verso la logica e la matematica. “Contribuire attivamente alla diffusione, al miglioramento e all’avanzamento del sapere e della cultura è l’obiettivo per cui è nato il movimento Wikimedia. Crediamo infatti che, per perseguire il bene comune, sia essenziale moltiplicare le porte d’accesso alla conoscenza”, spiega Iolanda Pensa, Presidente di Wikimedia Italia. “Come Associazione, perseguiamo questo obiettivo sostenendo economicamente numerose iniziative culturali in linea con questo principio. Tra queste il Ludwig Wittgenstein Project, che dal primo gennaio ha reso disponibili molte opere del filosofo di difficile reperibilità”.

– Giulia Ronchi

Scarica qui i testi di Ludwig Wittgenstein

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.