Fantagraphic. Il neorealismo a fumetti di Yoshiharu Tsuge

La Oblomov Edizioni esce con un nuovo volume dedicato a Yoshiharu Tsuge, il maestro del manga gekiga. Una raccolta di racconti a fumetti giovanili, da poco in libreria.

Yoshiharu Tsuge – Fiori Rossi (Oblomov Edizioni, Quartu Sant'Elena 2018). Copertina, dettaglio
Yoshiharu Tsuge – Fiori Rossi (Oblomov Edizioni, Quartu Sant'Elena 2018). Copertina, dettaglio

Di Yoshiharu Tsuge (Katsushika, 1937) abbiamo già parlato tanto; eppure, ogni volta che si presenta l’uscita di un nuovo libro con i suoi racconti a fumetti, l’entusiasmo impenna e le aspettative si fanno sempre nuove, come se fosse la prima volta. Perché è pur vero che il grande maestro del manga gekiga in questi ultimi anni è stato abbondantemente proposto con una buona quantità di pubblicazioni italiane, ma è altrettanto vero che la sua produzione ‒seppur in modo discontinuo ‒ ha seminato nel tempo un numero consistente di opere che aspettano ancora di esser conosciute dal grande pubblico.

RACCONTI GIOVANILI

A scavare nel pozzo dell’attività giovanile di Tsuge è oggi la Oblomov Edizioni di Igort che, dopo Nejishiki ‒ la raccolta uscita nei primi mesi del 2018 – pubblica ora Fiori Rossi, un nuovo volume dedicato all’autore giapponese.
I quattordici racconti messi insieme nel libro, pubblicati per la prima volta tra il 1966 e il 1968 sulla rivista Garo, affrontano tematiche care alla produzione di Tsuge: fallimento, solitudine, inadeguatezza ai tempi moderni. Come in gran parte della sua produzione, anche in queste storie il mangaka esplora le difficoltà economiche e soprattutto le inadeguatezze di chi, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, e ancora scosso dallo shock del conflitto, si trova costretto a doversi riadattare a un Giappone in forte crescita economica, con tutte le contraddizioni dovute alla modernizzazione filo-occidentale del Paese.

Yoshiharu Tsuge – Fiori Rossi (Oblomov Edizioni, Quartu Sant'Elena 2018)
Yoshiharu Tsuge – Fiori Rossi (Oblomov Edizioni, Quartu Sant’Elena 2018)

POESIA A FUMETTI

Sopraffatti dal progresso alienante, i personaggi di queste storie sembrano frammenti di un mondo rurale che scompare, ma al quale pure essi sentono ancora di appartenere. Tra loro c’è ad esempio Sayoko, la protagonista del racconto che dà il titolo al libro: riflessiva e solitaria, essa resta immobile nel suo tea shop, accompagnata solo dal frinire delle cicale in sottofondo. Lei, così come le altre comparse all’interno di queste storie, sono uomini e donne “inadatti”, perché incapaci o svogliati ad agire all’interno di un Giappone occidentalizzato e dettato dal consumismo.
Fiori Rossi è l’ennesimo, bellissimo e struggente viaggio nella poesia a fumetti di Tsuge: storie cariche di nostalgia e introspezione, che ancora una volta confermano questo mangaka ottantenne tra i numi intoccabili del fumetto d’autore.

Alex Urso

Yoshiharu Tsuge – Fiori Rossi
Oblomov Edizioni, Quartu Sant’Elena 2018
Pagg. 256, € 19
ISBN 9788885621572
www.oblomovedizioni.com

Dati correlati
AutoreYoshiharu Tsuge
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.