Fantagraphic. “Il giovane Yoshio” di Tsuge, in anteprima

Yoshiharu Tsuge è il pioniere del manga gekiga e fumettista di culto internazionale. Canicola Edizioni raccoglie oggi, in un nuovo e prezioso volume, sei racconti inediti dell’autore giapponese. Racconti dal taglio autobiografico e introspettivo, che vi mostriamo in anteprima.

Yoshiharu Tsuge – Il giovane Yoshio (Canicola Edizioni, Bologna 2018). Cover
Yoshiharu Tsuge – Il giovane Yoshio (Canicola Edizioni, Bologna 2018). Cover

Sempre ricercato il lavoro di Canicola, capace in questi anni di saper resistere quando il fumetto faceva fatica a ritagliarsi visibilità tra i lettori, e in grado di evitare ansie da prestazione oggi che il fumetto sembra (ri)nascere anche fuori dalla cerchia degli aficionados. Piuttosto, quello della casa editrice bolognese è un percorso fatto di ricerca e dedizione, di qualità ‒ più che di quantità.
A confermare queste scelte arriva ora Il giovane Yoshio, primo di tre volumi inediti che raccoglie una selezione di opere autobiografiche di Yoshiharu Tsuge (Katsushika, 1937).

RACCONTI DAL SOTTOSUOLO GIAPPONESE

Il libro, che sbarca in Italia dopo il grande successo de L’uomo senza talento, raccoglie sei racconti scritti in età adulta da Tsuge, pioniere del manga gekiga (fumetti manga per un pubblico maturo e consapevole).
Realizzate a cavallo tra gli Anni Settanta e Ottanta, le storie incluse nel volume tratteggiano i ricordi della difficile infanzia vissuta dallo scrittore, divisa tra crisi familiari, abusi e difficoltà economiche. Così come per le altre opere dell’autore, non mancano inoltre riferimenti alla vita nel Giappone del dopoguerra e alle difficili condizioni sociali delle classi meno abbienti, vero marchio distintivo del fumetto realistico di Tsuge.

Yoshiharu Tsuge – Il giovane Yoshio (Canicola Edizioni, Bologna 2018)
Yoshiharu Tsuge – Il giovane Yoshio (Canicola Edizioni, Bologna 2018)

PAROLA A CANICOLA

Tsuge è considerato uno dei maggiori autori del fumetto di tutti i tempi e le ragioni sono svariate”, dice Edo Chieregato, sceneggiatore ed editore di Canicola. “Per noi, oltre che un grande narratore e un grande scrittore, è un faro emblematico di un’attitudine all’esistenza, all’arte e all’espressione in cui ci riconosciamo dal nostro esordio. La nostra idea, come associazione culturale e come editori, è stata da subito quella di porci come editore di tutta l’opera di Tsuge, inedita nel nostro Paese e per lo più in tutto il mondo occidentale. Abbiamo deciso di partire con “L’uomo senza talento”, abbiamo costruito progetti e situazioni culturali per divulgare al massimo il verbo, e i risultati sono stati positivi. Ora con “Il giovane Yoshio” proponiamo sei racconti della maturità artistica. Si tratta di sei storie straordinarie di matrice autobiografica in cui il personaggio – l’autore stesso – racconta il periodo della sua infanzia e della tardo adolescenza. A questo volume ne seguirà un secondo con le storie dell’età adulta e poi un terzo sui racconti di matrice onirica”.
Ricchi di introspezione e dal taglio profondamente drammatico, quelli di Yoshiharu Tsuge sono racconti di meravigliosa desolazione, di solitudine e poesia, che vi invitiamo a scoprire e percorrere in questo nuovo libro. L’uscita de Il giovane Yoshio è prevista per il 10 maggio. Nel frattempo, gustatevi una carrellata di pagine in anteprima.

Alex Urso

Yoshiharu Tsuge – Il giovane Yoshio
Canicola Edizioni, Bologna 2018
Pagg. 224, € 19
ISBN 9788899524340
www.canicola.net

Dati correlati
AutoreYoshiharu Tsuge
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Laureato in Lettere Moderne presso le Università di Macerata e Bologna. Attualmente vive a Varsavia. I suoi interessi in ambito critico e curatoriale sono prevalentemente rivolti all'investigazione e alla concezione di punti di incontro tra artisti e istituzioni italiane e polacche. In questi anni Urso ha collaborato con spazi privati e pubblici, come la Galleria Nazionale di Varsavia – Zachęta e l'Istituto Italiano di Cultura di Varsavia. Nel 2017 è stato curatore della Biennale de La Biche. Dal 2014 scrive di arte per Artribune come corrispondente dalla Polonia. Dal 2013 al 2017 è stato redattore per Lobodilattice. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali. Sempre per Artribune cura Fantagraphic, la rubrica di fumetti del sito.