Fantagraphic. Jiro Taniguchi e il suo “combattente blu” in anteprima

Il 31 gennaio arriva nelle librerie italiane “Blue Fighter”, il manga inedito di Jiro Taniguchi accompagnato dalla sceneggiatura di Caribu Marley, entrambi recentemente scomparsi. Una storia di pugilato e riscatto, frutto della collaborazione tra due numi sacri del fumetto internazionale.

Jiro Taniguchi – Blue Fighter (J-POP Manga, Milano 2018). Copertina
Jiro Taniguchi – Blue Fighter (J-POP Manga, Milano 2018). Copertina

È passato meno di un anno dalla scomparsa di Jiro Taniguchi, mangaka tra i più influenti e apprezzati di sempre. Dalla sua lunga e onorata produzione, costellata di capolavori che spaziano dall’azione alla fantascienza, J-POP Manga ha estratto e tradotto oggi un libro che mancava sulle mensole degli appassionati italiani: Blue Fighter, volume unico che racchiude la serie uscita originariamente a puntate, e realizzata da Taniguchi con la collaborazione di Garon Tsuchiya (in arte Caribu Marley) ‒ sceneggiatore mangaka già noto al pubblico per la celebre saga di Old Boy.

UN GIOVANE TANIGUCHI

Conclusa nel 1987 dopo un lungo periodo di gestazione, e ancora inedita in Italia, la storia affronta le vicende di Raggae, pugile silenzioso, eroe controverso che cerca il suo riscatto sul ring. Un mash-up di tossicodipendenza, alcool e gratuita violenza fa da sfondo, dando al libro l’aspetto di uno strano ibrido tra manga classico e fumetto europeo.
Abbiamo deciso di portare “Blue Fighter” in Italia”, spiega Jacopo Buranelli, direttore letterario di J-POP Manga, “con l’intento di volere far conoscere ai lettori una sfumatura più pulp e hard boiled del Maestro, rispetto alle opere più note e conosciute in Europa”.

Jiro Taniguchi – Blue Fighter (J POP Manga, Milano 2018)
Jiro Taniguchi – Blue Fighter (J POP Manga, Milano 2018)

UN FUMETTO ATIPICO

Sia nei disegni che nelle tematiche Blue Fighter è infatti un fumetto atipico nella carriera di Taniguchi, in bilico tra lavori di formazione e maturità stilistica. Impulsi giovanili e ricerca di uno stile più definito si mescolano nelle tavole dell’allora poco più che trentenne fumettista nipponico, rendendo il libro un esempio interessante per capire quelle che da lì a poco sarebbero state le riconosciute evoluzioni stilistiche del “poeta del manga”.
Blue Fighter sarà disponibile in libreria e fumetteria dal 31 gennaio. Nel frattempo, gustatevi in anteprima le prime pagine del libro.

Alex Urso

Jiro Taniguchi – Blue Fighter
J-POP Manga, Milano 2018
Pagg. 290, € 15
ISBN 9788832750980
www.j-pop.it

Dati correlati
Autore Jirô Taniguchi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.