I disegni di Peter Handke, premio Nobel per la letteratura 2019

Un prezioso volume edito da Jaca Book raccoglie i disegni dello scrittore Peter Handke, già andati in mostra a Berlino.

Sfogliare un bel libro, ben impaginato, stampato su carta adatta allo scopo è un piacere, almeno per chi scrive, bibliofila appassionata. Il volume Peter Handke. Disegni, pubblicato da Jaca Book, questo piacere lo trasmette, in un gioco di rimandi tra contenuto e contenitore. Attraverso questo bel libro scopriamo, infatti, che lo scrittore austriaco, premio Nobel per la letteratura nel 2019, è anche un raffinato disegnatore.
Molti di noi, quando prendono appunti, disegnano figurine ai lati delle pagine ma qui è qualcosa di più, di diverso. Peter Handke (Griffen, 1942) ha disegnato e colorato alcune zone dei suoi appunti, ma ha anche operato direttamente sui libri. Una ciliegia, delle mani affiorano dalle pagine del Vangelo di Marco. I caratteri dell’alfabeto greco, per molti illeggibili, diventano parte di un tutto, un unicum, con il disegno, la scrittura di Handke. Ne deriva una sorta di mappa in cui ci si perde volentieri. In taluni casi i disegni sono riconducibili a dei luoghi, la Piccardia, Parigi, la Serbia, la Corsica. I soggetti più presenti sono la natura, gli animali, le piante, i frutti, dei personaggi religiosi, la baia di nessuno, istante senza limiti, che è parte del titolo di un suo libro.
I fogli, realizzati tra il 2007 e il 2017, sono già stati esposti alla Galerie Klaus Gerrit di Berlino, per poi divenire nel 2019 volume per i tipi di Schirmer e Mosel.

Peter Handke & Giorgio Agamben ‒ Disegni (Jaca Book, Milano 2020) _cover
Peter Handke & Giorgio Agamben ‒ Disegni (Jaca Book, Milano 2020) _cover

I DISEGNI DI PETER HANDKE E IL SURIMONO

Dopo avere visto i disegni, anche la scrittura di Handke può essere letta in un altro modo, avendo la possibilità di entrare nei meandri più reconditi del suo pensiero.
Nella nota introduttiva all’edizione italiana, il filosofo Giorgio Agamben crea dei fili rossi tra i disegni di Handke e certa arte giapponese, in particolare il surimono, che unisce nello stesso foglio poesia e pittura. “Nel surimono di Handke, la scrittura assedia l’immagine, la circonda da ogni parte, si infila dovunque, ma a volte si sottopone e si arrende, docile, fino a farsi soltanto titolo e didascalia […]. Sono lembi strappati a un foglio, marginalia finiti per errore dentro al testo, ma, come il limbo secondo i teologi, essi si situano in ora inferni, sul margine dell’inferno. Beati, come i bambini e i filosofi del primo cerchio, eppure a un passo dal gorgo dei dannati”.
Nonostante le piccole dimensioni, in essi vi è una sorta di dramma, dato dal segno fitto e illeggibile nella sua unicità. Come spiega il filosofo, Handke non è interessato alla forma, ma alla sua genesi. Una genesi, una Gestaltung, che qui, con la dovuta lentezza di approccio, riusciamo a cogliere in tutta la sua potente portata.

Angela Madesani

Peter Handke & Giorgio Agamben ‒ Disegni
Jaca Book, Milano 2020
Pagg. 144, € 50
ISBN 9788816606104
www.jacabook.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.