La fiera di editoria d’arte indipendente Fruit Exhibition lancia l’edizione digitale

In programma a Bologna a fine maggio e annullata a causa della pandemia da Coronavirus, la fiera è stata inaugurata in versione digitale sulla piattaforma Zoom

Fruit market 2019
Fruit market 2019

“Abbiamo pensato forme e modalità nuove perché l’unica cosa veramente inimmaginabile è un anno di silenzio, di vuoto e di resa a scapito di una rosa di editori internazionali con bellissime pubblicazioni e progetti brillanti da raccontare. Persone che è bello incontrare almeno una volta l’anno per immergersi nel loro immaginario, nel loro difficile lavoro e nella loro creatività. Il market rappresenta il cuore dell’evento e il sostegno all’editoria indipendente è il cuore della nostra mission. Per questo abbiamo pensato ad una versione virtuale, un programma giornaliero per continuare a dare spazio e visibilità all’editoria indipendente”.Con queste parole pubblicate sul proprio sito web, la fiera dedicata all’editoria d’arte indipendente Fruit Exhibition lancia il suo nuovo progetto online, Virtual Fruit, una versione digitale della fiera in corso sulla piattaforma Zoom. Fruit si unisce così al gruppo delle già numerose fiere d’arte che hanno deciso di portare avanti la propria programmazione online, reagendo così all’attuale lockdown da pandemia.

FRUIT EXHIBITION ONLINE

L’ottava edizione di Fruit Exhibition avrebbe dovuto tenersi a Bologna dal 29 al 31 maggio, ma la rassegna è stata naturalmente annullata. Al suo posto è stata recentemente inaugurata una versione virtuale della fiera: attraverso la piattaforma Zoom, ogni espositore – tra quelli che hanno già aderito sono 5x letterpress (IT) / Archivio (IT) / Anteferma Edizioni (IT) / BEKKO (IT) / Marta Bianchi – Andreina Bochicchio (IT) / Biblohaus (IT) / Blow Up Press (PL) / Checco Frongia (IT) / El Dorado (ES) / Giada Fuccelli (IT) / Illustation.it (IT) / ISIT.magazine (IT) / KABUL magazine (IT) / Libri Finti Cladestini (IT) / Le palle.it (IT) / Lök Zine (FR/IT) / Maison Trouvée (FR) / Mulieris Magazine (IT) / Numero Cromatico (IT) / Panteon magazine (IT) / Point.51 (UK) / Suren Hash (MN) / Terra Project (IT) / The Eriskay Connection (NL) / Virginia Viapiano (IT) – ha a disposizione uno spazio digitale su cui presentare il proprio progetto editoriale e aprire un canale di vendita diretta al proprio shop virtuale. Oltre alla speciale “viewing room”, sono in programma anche incontri e appuntamenti fruibili sul sito di Fruit Exhibition e trasmessi su Facebook e Youtube.

COME PARTECIPARE A VIRTUAL FRUIT

Nonostante la fiera virtuale sia già iniziata, è ancora possibile per gli editori proporre la propria candidatura, dato che l’evento si protrarrà fino al prossimo giugno. Per presentare la propria richiesta di partecipazione è necessario compilare l’apposita domanda scaricabile a questo link.

– Desirée Maida

www.fruitexhibition.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.