La nuova installazione sonora di Roberto Paci Dalò a Timisoara Capitale Europea Cultura 2023

È l’unico italiano a partecipare in Romania alla prima edizione di Sonic Narratives, una due giorni (30-31 ottobre) di sound installation di diversi artisti e un programma di performance dal vivo lungo il fiume

La nuova installazione sonora di Roberto Paci Dalò a Timisoara Capitale Europea Cultura 2023
La nuova installazione sonora di Roberto Paci Dalò a Timisoara Capitale Europea Cultura 2023

Timisoara, designata Capitale Europea della Cultura 2023 (inizialmente del 2021 poi slittato causa pandemia) è una città della Romania dai tanti primati: prima in Europa a dotarsi della rete elettrica, prima città dell’Impero Asburgico a illuminare le proprie strade con lampade e la prima a convertirle a gas nel 1855. E ancora, prima città dell’Impero austro-ungarico a creare un canale navigabile (il Bega) e sede del Temeswarer Nachrichten, il primo giornale in Romania e il primo giornale tedesco nell’Europa sudorientale. Da qui parte l’idea di Temeswarer Nachrichten, un’installazione sonora site-specific creata dal musicista e artista visivo Roberto Paci Dalò (Rimini, 1962) appositamente per la prima edizione di Sonic Narratives, una due giorni (30-31 ottobre) di sound installation di diversi artisti e un programma di performance dal vivo lungo il fiume.

La nuova installazione sonora di Roberto Paci Dalò a Timisoara Capitale Europea Cultura 2023
La nuova installazione sonora di Roberto Paci Dalò a Timisoara Capitale Europea Cultura 2023

L’INSTALLAZIONE SONORA DI ROBERTO PACI DALÒ A TIMISOARA

Guardando questa fantastica serie di invenzioni pionieristiche, ho pensato a una creazione originale: un’installazione sonora da collocare nello spazio pubblico al centro della città. L’installazione sarà composta da suoni liberamente legati a questa storia. Ciò includerà acqua, elettricità, tram, macchine da stampa, suoni elettronici e paesaggi sonori di Timisoara”, racconta Paci Dalò. “”Doyne” è la performance live che presenterò in apertura e si basa sul rapporto tra doina tradizionale (tipico canto folk romeno N.d.R.) e live electronics. Questo lavoro fa parte di una ricerca a lungo termine sulla prassi esecutiva del mio strumento principale: il clarinetto. In questo modo, sono riuscito a incorporare elementi delle tecniche tradizionali nella musica sperimentale. Quest’opera è dedicata alla defunta Romica Puceanu”.

PRIMA EDIZIONE DI SONIC NARRATIVES

Questa edizione pilota di Sonic Narratives, che invita il visitatore al piacere dell’ascolto attivo, della (ri)scoperta sia delle architetture che dei paesaggi urbani e degli ambienti rivelati in modo poetico, è un’idea della dinamica associazione rumena Simultan, nota anche per il suo omonimo festival annuale di musica e arti digitali, che l’ha organizzata anche in prospettiva della futura esperienza da Capitale Europea. “Il percorso, che parte dal centro cittadino, sulle rive del canale Bega fino alla periferia, attraversa un paesaggio urbano con un carico storico diversificato e ci induce in una serie di incursioni sonore e visive attraverso interventi artistici e installazioni”, spiegano gli organizzatori. “Lo spazio urbano diventa un continuum che porta alla luce esperienze quotidiane spesso ignorate, possibilità di immaginazione, interazione sociale o informativa attraverso le possibilità dei diversi ambienti. Lo scopo di questo progetto collaborativo è ampliare il contesto della produzione artistica a Timisoara, utilizzando la città come piattaforma di esplorazione e ricerca artistica attraverso un processo che essenzializza il fenomeno della transizione urbana, della memoria e della temporalità”.

-Claudia Giraud

http://transcultures.be

Dati correlati
CuratoreRoberto Paci Dalò
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).