Nasce il Caribbean Cultural Institute, ente di ricerca fondato dal Pérez Art Museum di Miami

È dedicato alla storia e agli sviluppi dell’arte dei Caraibi – e agli artisti della “Diaspora” caraibica – il nuovo istituto di ricerca fondato dal Pérez Art Museum di Miam

Pérez Art Museum Miami, north facade. Designed by Herzog & de Meuron. Photo World Red Eye
Pérez Art Museum Miami, north facade. Designed by Herzog & de Meuron. Photo World Red Eye

Una piattaforma curatoriale e di ricerca per assegnare borse di studio e promuovere gli artisti della diaspora caraibica, attraverso mostre, pubblicazioni e incremento delle collezioni: sono questi, in sintesi, gli obiettivi che si prefigge il Caribbean Cultural Institute, istituto recentemente fondato dal Pérez Art Museum di Miami che vanta già sostenitori importanti come la Andrew W. Mellon Foundation. La fondazione, infatti, per sostenere la neonata istituzione, ha donato al Pérez Museum 1 milione di dollari.

IL PÉREZ ART MUSEUM

Progettato da Herzog & deMeuron e inaugurato nel 2013, il PAMM – Pérez Art Museum Miami è stato finanziato da Jorge Pérez, che inoltre ha donato al museo parte delle sue collezioni e continua a essere uno dei suoi principali sostenitori. Il Museo negli anni si è distinto nella promozione dell’arte contemporanea latinoamericana, attraverso mostre e premi. Lo scorso gennaio, ad esempio, il Pérez Museum ha istituito il Jorge M. Pérez Award, premio pari a 25.000 dollari destinato a un alunno di arti visive della National YoungArts Foundation di Miami, e il Jorge and Darlene Pérez Award, dal valore di 50.000 dollari, rivolto a un artista selezionato dal Pérez Art Museum. 

IL CARIBBEAN CULTURAL INSTITUTE

Il Caribbean Cultural Institute conferma la posizione del PAMM (e il punto di riferimento che è la città di Miami) come centro dedicato alla cultura dei Caraibi, attraverso una ricerca mirata alla comprensione delle pratiche artistiche della regione. L’Istituto ha quindi come fondamento la ricerca, attraverso un programma di mostre e pubblicazioni, perseguendo così la mission che il PAMM ha sviluppato in oltre un decennio di attività. Attraverso il Caribbean Cultural Institute, il PAMM esplora così la produzione culturale dei Caraibi e della sua diaspora, compresi i Caraibi olandesi, inglesi, francesi e spagnoli. “Miami esiste come confine settentrionale dei Caraibi e comprende elementi dei Caraibi nei suoi popoli e nella sua cultura, facendone così un punto nevralgico per lo studio della regione”, spiega il direttore del PAMM Franklin Sirmans. “È parte integrante della nostra missione proseguire il dialogo culturale all’interno di quello spazio e amplificarlo verso la comunità internazionale. Ringraziamo la Fondazione Andrew W. Mellon per il generoso sostegno in questo obiettivo”.

– Desirée Maida

www.pamm.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.