ALL ARTS, a New York apre un canale tv che promuove l’arte della città al grande pubblico

Il nuovo canale televisivo, concepito come “un’istituzione culturale senza mura, senza orari di chiusura, senza biglietti e senza barriere”, sarà attivo da gennaio 2019, e conta sulla collaborazione di addetti ai lavori del mondo della cultura

“The Band’s Visit” Star Etai Benson, Episode 2 of ALL ARTS original series Broadway Sandwich
“The Band’s Visit” Star Etai Benson, Episode 2 of ALL ARTS original series Broadway Sandwich

Promuovere e sostenere l’arte locale, coinvolgendo i giovani artisti e creando una rete di collaborazioni con le istituzioni culturali del territorio, attirare e stimolare il grande pubblico. Non è la mission di un nuovo museo di prossima apertura, ma quella di un’emittente televisiva che da gennaio 2019 arriverà negli schermi di tutti i newyorchesi: ALL ARTS è l’ultima creatura nata nella famiglia WNET, compagnia televisiva con sede nella Grande Mela – con già all’attivo canali tematici culturali – che attraverso un canale di trasmissione e una piattaforma streaming ha intenzione di esplorare tutte “le forme di espressione creativa di New York”.

“UN’ISTITUZIONE CULTURALE SENZA MURA”

Quali saranno le caratteristiche di ALL ARTS e cosa distinguerà il nuovo canale dalle altre emittenti a tema culturale? “ALL ARTS sarà come un’istituzione culturale senza mura, senza orari di chiusura, senza biglietti e senza barriere”, spiega Jörn Weisbrodt, direttore artistico di ALL ARTS. “Abbiamo la possibilità di creare programmi culturali che siano inclusivi e accessibili, collegando il pubblico e gli artisti a un livello più intimo e autentico”. Weisbrodt in passato ha lavorato come direttore artistico del Luminato Festival di Toronto e del Watermill Center di New York, e come direttore della produzione artistica della Berlin State Opera. All’interno di ALL ARTS, il suo compito sarà quello di aumentare la visibilità della programmazione del canale: “sono così felice di unirmi a WNET in questo ambizioso progetto e non vedo l’ora di interagire con spettatori e artisti on air, online e di persona”, ha commentato Weisbrodt.

LA MISSION

Scopo di ALL ARTS sarà quello di creare connessioni tra artisti, istituzioni e gli spettatori, e la programmazione del canale sarà dedicata a tutte le forme artistiche e alla loro ibridazione: danza, cinema, musica, arti visive, tetro e design, puntando sia su autori affermati sia sugli emergenti. ALL ARTS sta collaborando con istituzioni e artisti di tutta l’area di New York per produrre e promuovere contenuti, con il coinvolgimento di professionisti del settore: fanno parte dell’Advisory Board del programma, tra gli altri, Anne Pasternak del Brooklyn Museum, l’ex prima ballerina del New York City Ballet Wendy Whelan, Erika Elliott della City Parks Foundation, Karen Brooks Hopkins della Onassis Foundation ed ex Presidente Emerita della Brooklyn Academy of Music, e Limor Tomer  del Metropolitan Museum of Art.

– Desirée Maida

www.allarts.wliw.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.