La stanchezza di Chagall. L’editoriale di Renato Barilli

È patetico quando si assiste alla parabola discendente di un grande artista. Che comincia a ripetere se stesso e non la smette più. Ad esempio Marc Chagall

Marc Chagall, La Vita, 1964, photo François Fernandez - Archives Fondation Maeght, Saint-Paul de Vence © Chagall®, by SIAE 2016
Marc Chagall, La Vita, 1964, photo François Fernandez - Archives Fondation Maeght, Saint-Paul de Vence © Chagall®, by SIAE 2016

Una mostra di ben 265 opere di Marc Chagall al Forte di Bard induce a due ordini di riflessioni. La prima – di cui abbiamo già parlato – riguarda il procedere disordinato della pletora dei nostri centri espositivi locali, che insistono a pigiare sui medesimi tasti, non curando di cadere in repliche fastidiose e inutili. Ora però voglio insistere su un altro aspetto, cioè sul fatto che questa pletora di richiami in scena di sacri maestri del primo Novecento è quasi inversamente proporzionale a un loro graduale decadimento e stanchezza, rivelatisi col passare degli anni. E Chagall è un esempio tipico di questo venire meno dell’indubbia originalità degli inizi, cui fa seguito una ripetizione stinta, accompagnata anche da un’inflazione dei motivi, eccellenti in partenza, ma poi divenuti degli stereotipi, pronti ad assieparsi sulla tela, o più ancora sulle pagine di applicazioni grafiche, cui non è stato certo estraneo l’interesse commerciale di chi troppo presto ha accettato di fare un uso minore di se stesso. Accanto a Chagall, in una triste graduatoria del genere, metterei Miró, e magari gli stessi pesi massimi Picasso e Matisse, il primo, magari, salvato da un suo compiacente estro per il mostruoso, per una eccezionale bravura accademica, l’altro sorretto da una grazia “giapponese” che però si fa via via più languida e rarefatta.

Marc Chagall, La Vita, 1964, photo François Fernandez - Archives Fondation Maeght, Saint-Paul de Vence © Chagall®, by SIAE 2016
Marc Chagall, La Vita, 1964, photo François Fernandez – Archives Fondation Maeght, Saint-Paul de Vence © Chagall®, by SIAE 2016

Naturalmente un simile calo di qualità riguarda anche gli italiani, i Sironi e Severini, e magari anche i Carrà e De Pisis. Ci sono però le eccezioni, tra cui, presso di noi, quella di Morandi, di cui non sono certo ammiratore incondizionato, ma si deve pur riconoscere che ha cercato fino alla fine di svolgere un interessante gioco di varianti, senza mai cadere nell’ovvio e prevedibile. All’estero, un uguale riconoscimento di sperimentazione fino alla fine può essere accordato a Klee, e non invece a Kandinsky, suscettibile anche lui del rischio di essere sottoposto a stanche rievocazioni, su capitoli ormai conosciuti a memoria. A Marcel Duchamp il merito di strenuo ricercatore fino all’ultimo, magari contrapposto a un de Chirico, strenuo anche lui ma in senso opposto, nel frequentare i bassifondi, cioè nel bere fino all’ultima feccia nel calice del “cattivo gusto”, fino a saltar fuori dall’altra parte e ritrovare il sereno. Invece il limite dei suoi compagni di strada è di aver mantenuto una coerenza, ma sempre più incerta e flebile, nelle loro pur valide mosse iniziali.

Renato Barilli
critico d’arte militante

Bard // fino al 13 novembre 2016
Marc Chagall – La vie
a cura di Gabriele Accornero, Isabelle Maeght e Markus Müller
FORTE DI BARD
0125 833811
[email protected]
www.fortedibard.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #33

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Renato Barilli
Renato Barilli, nato nel 1935, professore emerito presso l’Università di Bologna, ha svolto una lunga carriera insegnando Fenomenologia degli stili al corso DAMS. I suoi interessi, muovendo dall’estetica, sono andati sia alla critica letteraria che alla critica d’arte. È autore di numerosi libri tra cui: "Scienza della cultura e fenomenologia degli stili" (1982, nuova ed. 2007), "L’arte contemporanea" (1984, nuova ed. 2005), "La neoavanguardia italiana" (1995, nuova ed. 2007), "L’alba del contemporaneo" (1995), "Dal Boccaccio al Verga. La narrativa italiana in età moderna" (2003), "Maniera moderna e Manierismo" (2004), "Prima e dopo il 2000. La ricerca artistica 1970-2005" (2006), "La narrativa europea in età moderna. Da Defoe a Tolstoj" (2010), "Autoritratto a stampa" (2010), "La narrativa europea in età contemporanea. Cechov, Joyce, Proust, Woolf, Musil" (2014). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato "Storia dell’arte contemporanea in Italia. Da Canova alle ultime tendenze" (2007) e "Arte e cultura matariale in Occidente" (2011). È stato organizzatore di molte mostre sull’arte italiana dell’Ottocento e del Novecento.