A Bologna è bufera. Sulla Street Art

Sono settimane che a Bologna vengono staccate dai muri opere di Street Art. Quelle firmate da nomi come Blu o Ericailcane. Dietro a tutto, un’opera in grande stile orchestrata da Roversi Monaco. Che porterà a un’importante mostra nei prossimi mesi. Abbiamo sentito Christian Omodeo, che la curerà insieme a Luca Ciancabilla.

Blu a Bologna
Blu a Bologna

Per ora la bufera è solo sulle pagine locali, in particolare del Corriere. In estrema sintesi: a Bologna stanno staccando numerose opere di Street Art. Ha senso, parlando in generale?
Ha senso esporre i marmi del Partenone al British Museum o i quadri d’altare provenienti da chiese italiane nei più importanti musei stranieri? Ha senso un museo come il Quai Branly o gli oggetti che vi sono esposti dovrebbero piuttosto essere restituiti alla tribù e ai Paesi dai quali provengono? Aveva senso ridare all’Etiopia l’obelisco che si trovava a Roma, a due passi dal Circo Massimo?
Come sempre, il problema vero quando si altera la destinazione d’uso di un oggetto, monumento o opera d’arte, non è tanto cosa si fa, ma perché lo si fa. Come ricorda Bénédicte Savoy, quello che va valutato non è tanto lo spostamento, ma il motivo di una “traslazione patrimoniale”.

E nel caso della Street Art?
Prima di tutto bisogna osservare che gli “stacchi” sono sempre esistiti. Pensate ai subway posters di Keith Haring, che siamo tutti contenti di vedere nelle mostre su questo artista, o agli stacchi di muri di Banksy. Ormai, ce ne sono talmente tanti che si fanno mostre – ultravisitate – solo con sue opere provenienti dalla strada.
La posizione più comoda (ma mi verrebbe da dire più paracula), come curatore che si occupa quasi esclusivamente di arte urbana all’incirca dal 2007, sarebbe quella di dare ascolto alla voce del “popolo” della Street Art, di farli felici e di avvallare, a stretto giro, i primi restauri di opere commissionate da comuni, festival o istituzioni pubbliche varie. Non so se ve ne siete resi conto, ma è la posizione difesa praticamente da tutti, partigiani dell’effimero compresi. Una dinamica del genere a me mette paura…

Perché?
Perché significa salvare solo la parte legale (e a volte mediocre) della Street Art, cancellando di fatto la parte illegale, che è fondamentale per capire questo movimento.
Inoltre, senza rendercene conto, stiamo validando delle micro-musealizzazioni di spazio pubblico, senza che si sia veramente discusso se abbia senso o meno cristallizzare porzioni intere di città per salvare un’arte che ormai pensa l’effimero più come strumento di marketing che come portatore di senso.

Blu, figura che calcia una testa - l'opera staccata dal muro
Blu, figura che calcia una testa – l’opera staccata dal muro

Dietro l’operazione bolognese c’è Roversi Monaco, un personaggio molto, molto connotato. Che ci fa uno come lui con la Street Art?
La domanda mi sembra più diretta a Roversi Monaco. A tempo debito, se vuoi, potrò darti le mie impressioni, ma mi sembra prematuro parlarne oggi.

D’accordo. Tutto questo dovrebbe comunque convergere in una grande mostra. La vogliamo dare qualche notizia? La curerai tu?
La notizia l’hanno già data Roversi Monaco e Luca Ciancabilla nell’edizione bolognese del Corriere della Sera a cavallo di Natale. Per i dettagli, bisognerà aspettare la conferenza stampa (stiamo valutando la data in questi giorni), ma posso anticiparvi che si tratterà di una mostra che mira ad avere una risonanza internazionale e che la cureremo a quattro mani io, per la parte di arte urbana, e Luca Ciancabilla, per conservazione/restauro. Essendo di Bologna, inoltre, Luca coordinerà anche delle iniziative sul e con il territorio.

Sii sincero: ti pare sensato che – in una città dove operano specialisti come Fabiola Naldi – si peschi sì un italiano, ma che sta a Parigi da tantissimi anni? E soprattutto: che chi sta in città non venga nemmeno interpellato?
La collaborazione con Luca Ciancabilla non è nata negli ultimi mesi, ma nel 2014, quando ho pubblicato Crossboarding, il mio studio sulla storiografia italiana sul graffiti writing e sulla street art. Luca insegna storia del restauro e, fin da subito, abbiamo pensato di lavorare assieme attorno al tema del restauro dell’arte urbana, perché si tratta di uno dei temi centrali del corso che tengo agli allievi restauratori dell’Institut National du Patrimoine di Parigi. Nel 2017, ad esempio, dovrebbe essere organizzato a Parigi un convegno sulle tecniche e sui materiali dell’arte urbana. Non dimentichiamoci che, ancora oggi, esistono pochissimi studi sul restauro della pittura spray.
Quando Luca, che è il vero iniziatore di questa mostra, si è reso conto che c’erano dei margini per organizzarla, mi ha quindi proposto di affiancarlo in questo progetto, perché avevo tutti i requisiti necessari: conoscenza approfondita della materia, sensibilità rispetto al tema della conservazione/restauro, senza dimenticare l’accesso a una rete internazionale di curatori/collezionisti/gallerie, che era fondamentale per la riuscita della mostra, visto che le opere conservate in collezioni pubbliche sono rarissime.
Penso quindi che Luca non abbia chiamato Fabiola Naldi semplicemente perché aveva già trovato una persona più adatta a sviluppare questo progetto specifico. Detto ciò, lo scorso novembre ho già anticipato a Claudio Musso, che cura Frontier proprio assieme a Fabiola, che sia da parte mia che da parte di Luca c’è massima disponibilità a parlare di una collaborazione, sia all’interno del catalogo che di eventuali tavole rotonde. Poco importa se per prendere posizione pro o contro gli stacchi: quel che conta, sia per me che per Luca, è che si avvii un dibattito su questi temi.

Blu, figura che calcia una testa - muro a Bologna
Blu, figura che calcia una testa – muro a Bologna

Come farai a gestire i rapporti con gli artisti? Prendiamo uno come Blu: si staccano dai muri opere che ha fatto lui, senza fargli sapere nulla, le si restaura, le si espone… Lo sai vero che in Italia il diritto d’autore prevede che, qualora l’autore stesso ritenga che il contesto in cui viene esposta un’opera a sua firma sia lesivo della sua immagine, può opporsi? Non hai paura di trovarti a curare una mostra dove i nomi più importanti non ci saranno?
Quando si parla di arte urbana, direi che il vero problema è piuttosto come faranno gli artisti a gestire i rapporti con i curatori. Per anni, la Street Art si è sviluppata senza vere figure curatoriali. Ancora oggi, la maggior parte dei curatori di Street Art non sono altro che degli art dealer o degli organizzatori di eventi, che mettono assieme artisti senza nessun criterio e, fondamentalmente, per non dire nulla. Mi viene in mente Francesco Masci, quando scrive che assistiamo a “un’infinità di eventi, ma a nessun avvento”. Per me, la sfida non è quindi tanto il diritto d’autore, ma far capire a questa comunità artistica che, oggi, esistono figure curatoriali cresciute in strada come loro e che un dialogo tra artisti e curatori urbani non è solo necessario, ma fondamentale per gli anni a venire.
Rispetto al diritto d’autore, non me ne frega niente. Se espongo un’opera, perché considero che serva a portare avanti un discorso o a generare un dibattito lo faccio, esattamente come un dj che sceglie un sample per creare un pezzo totalmente nuovo. Mi aspetto di essere giudicato per quello che ho creato e non per come ho trattato i sample selezionati. Se poi uno o più artisti sentiranno il bisogno di fare ricorso a un quadro giuridico sclerotizzato come il diritto d’autore, valuterò il da farsi, ma la mia posizione non cambierà: un artista che rifiuta che la sua opera possa essere usata, trasformata, distrutta/conservata o deturpata è e sarà sempre ai miei occhi come una multinazionale che tutela i propri prodotti.
Personalmente, ho altre priorità, come affermare che non ci vedo nulla di male a prendere dei muri di proprietà di un privato e trasformarli in bene comune, perché si fa l’esatto contrario di quello che si è fatto fino ad oggi, o valutare con dei giuristi se è teoricamente possibile imporre per legge a chiunque si appropri, legalmente o meno, di un’opera d’arte in strada di versare il 50% del ricavato in caso di un’eventuale vendita all’artista che l’ha prodotta. Questo sì che scoraggierebbe il mercato degli street pieces.

Marco Enrico Giacomelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.