Sulla nomina dei nuovi direttori di museo. Considerazioni etiche e politiche

Continua – e presumibilmente continuerà a lungo – la discussione in merito ai venti neodirettori dei musei statali nominati da Dario Franceschini. Oggi prende la parola Michele Dantini, per il quale questa è una “sconfitta sanguinosa”.

Loggiato degli Uffizi, Firenze
Loggiato degli Uffizi, Firenze

HA RAGIONE SGARBI?
Una premessa per cominciare: non voglio qui discutere il merito delle singole nomine e neppure considerare in dettaglio la procedura, anche se c’è chi, come Vittorio Sgarbi, contesta (mi pare legittimamente) determinati aspetti connessi all’attribuzione di punteggio per la prova orale.
Desidero invece proporre una riflessione sull’intero processo, la piega dei rapporti tra politica e cultura e talune ricezioni puerilmente entusiastiche sulla “rivoluzione” che il conferimento degli incarichi costituirebbe.

IL SACRIFICIO DI NATALI
In primo luogo. Dispiace che ottimi professionisti siano stati sacrificati a un imperscrutabile disegno generale. Faccio i nomi di Antonio Natali o Matteo Ceriana, ma non sono i soli cui possiamo riferirci.
È discutibile che un uomo politico sprovvisto di un qualsiasi titolo scientifico (o un burocrate in sua vece) possa porre fine alla meritevole carriera di studiosi di fama, cui dobbiamo eccellenti mostre. Punto. Quale riconoscimento abbiamo, in Italia, della probità e della competenza?

Antonio Natali
Antonio Natali

CHE FINE HANNO FATTO I RICERCATORI?
La storia dell’arte universitaria ha giocato un ruolo marginale, sia a livello di commissione che a livello di nomine. Perché? Personalmente non credo che a un ricercatore brillante manchino le capacità strategiche di cui si va in cerca. Chi per abitudine riconosce con prontezza le necessità prioritarie di indagine in un determinato ambito di studi è costantemente alle prese con decisioni complesse, anche pratiche, e agende intricate. È del tutto in grado di amministrare e “valorizzare” un museo.
Di recente il vicedirettore di uno dei maggiori quotidiani italiani ha equiparato il direttore di museo a un “maestro di scuola”, riservando palese disprezzo al maestro di scuola. Potremmo chiederci se questo atteggiamento anticulturale non costituisca un grave problema nel nostro Paese, ben più del “ritardo” che Dario Franceschini ha imputato ai direttori uscenti.
Ci viene adesso assicurato che ai nuovi direttori sarà data la possibilità di operare con maggiore libertà. Non ci si poteva mobilitare già per i predecessori?

Salvatore Settis
Salvatore Settis

LA QUESTIONE INTERNAZIONALE
In secondo luogo. Esistono aspetti sociali e culturali che non dovremmo trascurare. In un momento di gravi difficoltà occupazionali, soprattutto tra i giovani, e di penosa riduzione dell’occupazione qualificata, in primo luogo umanistica, è giusto conferire vantaggi concorsuali de facto a studiosi e conservatori che non siano italiani sembra un atto di sfiducia nei confronti di se stessi, assurdo e insensibile al tempo stesso.
La guerra di posizione combattuta contro questo o quel sindacato non autorizzano un premier responsabile a perseguire attivamente lo svantaggio dei propri concittadini, o a fare in modo che questo sembri effettivamente essere accaduto.
Che in altri Paesi il criterio nazionale sia irrilevante è una favola che chiunque concorra a livello internazionale può facilmente sfatare. Ovunque è considerato fisiologico e persino legittimo proteggere le migliori opportunità.
Sostengo che il concorso doveva essere chauvinisticamente recintato? Ma per carità. Si poteva però usare maggiore avvedutezza nell’assegnare gli incarichi, ed evitare umiliazioni che non rispondono ad alcuna utilità riconoscibile. “Nonostante la retorica della ‘valorizzazione’”, ha osservato giustamente Salvatore Settis, “quasi tutti i neodirettori non sono manager della cultura, ma storici dell’arte o archeologi con [semplici] esperienze museografiche”. E dunque?

UNA SCONFITTA SANGUINOSA
Si tratta adesso di ammettere, per la comunità italiana degli storici dell’arte, una sconfitta purtroppo sanguinosa. Certo non per la chiamata di rispettabili professionisti stranieri in un Paese in cui la politica per prima è ferocemente nepotistica e corporativa, ci mancherebbe. Ma per non essere stati in grado di difendere studiosi qualificati, colpevoli solo di essere schivi; e per il modo punitivo in cui si è arrivati al bando internazionale o se ne è salutata la conclusione.
È evidente che abbiamo insistito troppo su impalpabili questioni di decoro. Troppo poco invece su ricerca, innovazione, opportunità di impiego a elevata qualificazione. Dovremo mutare retorica e orizzonti, nell’immediato futuro.

Michele Dantini

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Michele Dantini
Storico dell’arte contemporanea, critico e saggista, Michele Dantini insegna all’Università del Piemonte orientale ed è visiting professor presso università nazionali e internazionali. Laureatosi e perfezionatosi (Ph.D.) in storia della filosofia e storia dell'arte presso la Scuola Normale Superiore di Pisa; Eberhard Karls Universität, Tubinga; The Courtauld Institute, Londra; Ludwig-Maximilians-Universität München, collabora con i principali musei di arte contemporanea italiani ed è responsabile del Master MAED al Castello di Rivoli. Scrive di arte contemporanea, politiche culturali e dell’innovazione, tecnologia, Rete e digitale. Tra le pubblicazioni recenti Geopolitiche dell’arte italiana. Arte e critica d’arte nel contesto internazionale (Milano 2012); Arte contemporanea, ecologia e sfera pubblica (Roma 2012); Humanities e innovazione sociale (Milano 2012); Apple cosmica. Come le narrazioni fantascientifiche modellano il design e il marketing della Mela (Milano 2012); Horses and other herbivores (Bezalel Academy of Art and Design, Jerusalem 2010). Coautore dei manifesti TQ “università e ricerca” e “patrimonio storico-artistico e ambientale”, è interessato ai temi della diversità culturale e del cosmopolitismo postcoloniale. Il suo Diario Namibiano (e/o, Milano 2003), inchiesta sulle trasformazioni delle abilità tradizionali in Africa australe all’ingresso nel mercato globale condotta in collaborazione con la National Gallery di Windhoek, è stato finalista del premio Paola Biocca|Società Italo Calvino nel 2002. Suoi reportage e fieldworks sono stati presentati alla Fondazione Merz, Torino; CCCS Strozzina, Firenze; Centro di arte contemporanea Luigi Pecci, Prato; Centre de la Photographie, Ginevra; MAO, Torino. Collabora a L’Huffington, Alfabeta2, Doppiozero, ROARS, Il giornale dell’arte, il manifesto.