Pitti Uomo 82. Videoset nei musei, orti (e spaventapasseri) in Fortezza

Da martedì a venerdì, Firenze torna a essere la capitale della moda maschile. 1.059 nomi tra brand e collezioni, alla Fortezza da Basso e in decine di eventi in giro per la città. Coinvolti nella kermesse non solo showroom, boutique e hotel, ma anche le piazze del centro storico, la Galleria degli Uffizi, il circuito dei Musei Civici e il Giardino di Boboli.

Pitti Uomo 81

La moda, il cibo, l’arte, il design, l’ambiente: tutte le eccellenze del made in Italy stanno per confluire nell’82esimo Pitti Uomo, la più prestigiosa manifestazione internazionale dedicata all’abbigliamento e agli accessori maschili. Tema-guida dell’edizione estiva, al via martedì a Firenze, è WonderFood Pitti, un tributo al ruolo culturale del cibo, grazie al quale varcheranno la soglia della fiera in Fortezza – oltre a stilisti, modelli e designer – trenta spaventapasseri.
Nessuno stravolgimento rispetto al loro compito canonico: come natura insegna, dovranno vigilare sugli orti “incredibili, ma veri” germogliati nel piazzale davanti al Padiglione Centrale, secondo il progetto di Oliviero Baldini, artefice di numerosi dei layout espositivi per i saloni di moda fiorentini. A vestirli però non saranno i consueti abiti improvvisati, ma le creazioni di trenta designer internazionali, selezionati tra quelli presenti in fiera.
Il richiamo alla terra e alla naturalità dei suoi prodotti è ulteriormente rafforzato dalla ridefinizione dei punti ristoro, quest’anno proposti in veste di chioschi a cura di alcuni aziende del Taste, la manifestazione gourmet sempre a cura di Pitti Immagine. Si tratta di un invito alla riscoperta dei piatti della memoria collettiva e dei prodotti nazionali di alta qualità, in cui si scorge anche l’invito a una permanenza meno convulsa tra le undici sezioni moda della fiera.

Pitti Uomo 81

Non a caso il concept, sviluppato del team di Archivio Personale, prende il nome Comfort Food. Immancabili pasta, salumi, formaggi e il gelato, preparato con pistacchi DOP di Bronte, nocciole del Piemonte e mandorle della Sicilia a cura di Firenze Gelato Festival, altra manifestazione cittadina recentemente organizzata in piazza Santa Maria Novella. A vitalizzare la Fortezza e la Dogana – dove in parallelo è allestito il salone Pitti W, con la moda femminile protagonista – andranno in scena i temporary event di Alternative Set, ovvero installazioni attraverso le quali luoghi singolari e spesso inutilizzati dell’area fieristica verranno reinterpretati secondo un programma di interventi.
Prima dell’apertura ufficiale in Fortezza da Basso, saranno due luoghi simbolo della città, con un giorno di anticipo, a ospitare altrettanti eventi inaugurali. Questa sera (alle 17 e alle 20, solo su invito) nella Galleria degli Uffizi una sfilata celebrerà i quarant’anni di attività del designer fiorentino Stefano Ricci, esponente di spicco dell’alta sartoria made in Italy al quale verrà conferito il Premio Pitti Immagine Uomo 82. A pochi metri di distanza, a Palazzo Vecchio viene inaugurato il nuovo progetto promosso da Mondadori Pubblicità in sinergia con il Comune di Firenze e Pitti Immagine. Si tratta di MeMO, l’esposizione in cui i Musei Civici Fiorentini – coinvolti il Museo di Palazzo Vecchio, la Cappella degli Spagnoli in Santa Maria Novella, la Fondazione Salvatore Romano presso il Cenacolo di Santo Spirito, il Museo Stefano Bardini e la Cappella Brancacci – appaiono nella veste di set per i video di marchi della moda uomo.

Pitti Uomo 81

Restando in città, piazza della Repubblica si conferma invece la location prediletta anche per la terza edizione di Firenze & Fashion, l’iniziativa promossa dal Gruppo RCS in occasione del Pitti. Dopo i mega-pannelli dello scorso gennaio, quando otto giovani esponenti della street art, selezionati da altrettante testate RCS, hanno interpretato a loro modo il tema del Pitti Uomo 81 It’s Graphics Now!, è la volta di un elogio del “saper fare”. La piazza sarà animata da “story telling area”, fruibile a ingresso libero, da attraversare, guardare, leggere, toccare e aperta anche sul sito realizzato ad hoc sulle piattaforme RCS.
E la moda? L’attesa è la sfilata di Valentino al Giardino di Boboli (mercoledì 20 giugno, ore 19), ma anche per la mostra per i trent’anni del marchio tessile Stone Island alla Stazione Leopolda e per i progetti speciali della maison parigina Carven (giovedì 21, ore 19.30) e di Peter Pilotto (mercoledì 20, ore 21, a Palazzo Borghese).

Valentina Silvestrini

www.pittimmagine.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.