In Molise per ottenere un bonus facciate si abbatte murale di Alice Pasquini

Accade a Civitacampomarano, in provincia di Campobasso, dove un edificio di proprietà del sindaco verrà abbattuto o comunque ristrutturato usufruendo del Superbonus facciate. Su una parete dell’edificio si trova un’opera della street artist di fama internazionale Alice Pasquini, che proprio a Civitampomarano ha dato vita a un importante festival di street art

Alice Pasquini, Civitacampomarano, 2015. Photo Jessica Stewart
Alice Pasquini, Civitacampomarano, 2015. Photo Jessica Stewart

“Sono affascinata da come l’opera evolva nella città. Io la realizzo attraverso la mia creatività, però quella cosa rimane lì. I passanti potrebbero scriverci sopra o cancellarla. Spesso succedono vicende molto diverse e molto divertenti; a volte i cittadini coprono di bianco una parete che è piena di segni e lasciano solo il mio disegno. Ma per me quello non è più il mio disegno… Siamo consapevoli che le pareti verranno ricostruite o le porte staccate, le opere in strada possono essere rubate, possono scriverci sopra”. Con queste parole la street artist di fama internazionale Alice Pasquini (Roma, 1980) raccontava in un’intervista su Artribune il suo rapporto con la labilità propria delle opere di street art, in balia degli agenti atmosferici e delle dinamiche umane e urbanistiche, spesso imprevedibili. E qualcosa di molto simile è infatti accaduto, o per meglio dire accadrà, a uno dei suoi murali più celebri e instagrammati, realizzato nel 2015 a Civitacampomarano, nel Molise, piccolo centro che ha dato i natali al nonno dell’artista (e dove Pasquini – che è inserita, insieme a pochi altri street artist, nell’Enciclopedia Treccani – ha dato vita nel 2016 al Cvtà Street Fest, manifestazione ideata per riqualificare e valorizzare il territorio di Civitacampomarano): l’opera da lei realizzata su un edificio di Via Roma, che rappresenta una ragazza che si copre il volto con le mani, è destinato a scomparire. Il motivo? Stando a quanto riporta Molise Tabloid l’edificio, di proprietà del sindaco di Civitacampomarano Paolo Manuele, sarà abbattuto o comunque interessato a un importante lavoro di ristrutturazione.

STREET ART E BONUS EDILIZIO. IL CASO A CIVITACAMPOMARANO NEL MOLISE

I lavori che interesseranno l’edificio saranno realizzati con il Superbonus edilizio del 110% previsto dal Decreto Rilancio del 2020, rivolto ad interventi di riqualificazione e anche di installazione di impianti fotovoltaici. Nel caso dell’edificio di proprietà del sindaco Manuele, i problemi sarebbero di natura strutturale, come da lui sottolineato: “purtroppo è necessario intervenire quanto prima”. Allo stato attuale, data la natura degli interventi che dovranno essere fatti sull’edificio, non sembra che il murale possa essere salvato, nonostante l’importanza che negli ultimi anni esso abbia avuto per la valorizzazione e la promozione di Civitacampomarano. Le associazioni locali, intanto, si stanno muovendo per provare a salvare il murale. Anche se una domanda sorge spontanea: perché non proporre all’artista di realizzare nuovamente la sua opera sull’edificio, una volta ristrutturato e messo in sicurezza? Del resto sta nelle cose della street art anche il fatto di venir cancellata e forse è proprio questa una parte del suo fascino.

– Desirée Maida

ACQUISTA QUI il libro su Alice Pasquini

Dati correlati
AutoreAlice Pasquini
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.