Rimosso a Cortina d’Ampezzo il murale di Endless realizzato per i Mondiali di Sci

All’artista britannico, entrato a fare parte della collezione degli Uffizi, era stato commissionato un murale in occasione dei Mondiali di Sci Alpino a Cortina d’Ampezzo. Ma di recente la sua opera è stata rimossa…

Il murale rimosso di Endless realizzato a Cortina D'Ampezzo per i mondiali di Sci
Il murale rimosso di Endless realizzato a Cortina D'Ampezzo per i mondiali di Sci

Dello street artist britannico Endless vi abbiamo parlato pochi mesi fa: lo scorso febbraio l’artista ha fatto parlare di sé per aver realizzato un’opera – un Autoritratto a tecnica mista che raffigura l’autore insieme ai mitologici artisti Gilbert & George all’interno del loro studio – che è entrata a fare parte della collezione degli Uffizi di Firenze, e per aver realizzato un murale a Cortina d’Ampezzo, in occasione degli ultimi Campionati di Sci Alpino. Un momento particolarmente prolifico per l’artista, che però ha subito un “contrattempo”: il murale di Cortina d’Ampezzo, Powder to the People, è stato rimosso.

Il murale rimosso di Endless realizzato a Cortina D'Ampezzo per i mondiali di Sci
Il murale rimosso di Endless realizzato a Cortina D’Ampezzo per i mondiali di Sci

RIMOSSO IL MURALE DI ENDLESS A CORTINA D’AMPEZZO

Powder to the People è il titolo del murale commissionato a Endless da E-Distribuzione in occasione dei Mondiali di Sci, nell’ambito di un progetto di riqualificazione del tessuto urbanistico. Il murale, patrocinato dal Comune di Cortina d’Ampezzo e supportato da Fondazione 2021, si trovava al centro di Cortina, e si ispirava a un’iconica copertina di una famosa rivista patinata, con la foto di una sciatrice. “Oggi il murales è stato cancellato. Un incomprensibile scempio culturale che si è perpetrato di fronte agli occhi attoniti e impotenti degli astanti”, si legge in una nota stampa. “Amaro epilogo non solo per questa opera, ma per il mondo dell’arte più in generale. L’ennesimo esempio dell’incapacità da parte delle nostre amministrazioni di valorizzare e tutelare il patrimonio artistico presente sul nostro territorio e in parte anche la persistente miopia nel riconoscere alla street art una piena legittimità artistica. Un vero paradosso”, conclude la nota, “considerato che le gallerie degli Uffizi a Firenze solo pochi mesi fa hanno aperto, per la prima volta ed in modo permanente, le proprie porte ad un’opera street art, per ironia realizzata proprio dallo stesso Endless”.

Il murale rimosso di Endless realizzato a Cortina D'Ampezzo per i mondiali di Sci
Il murale rimosso di Endless realizzato a Cortina D’Ampezzo per i mondiali di Sci

LO STREET ARTIST ENDLESS

Di base a Londra, dove ha iniziato la sua attività dipingendo i muri della città come se fossero tele, Endless nei suoi lavori raffigura elementi chiave della società contemporanea, come la pubblicità, il consumismo e la cultura delle celebrità. Endless ha collaborato con artisti internazionali e con brand della moda come Karl Lagerfeld, Clarks e Fiorucci. I suoi lavori si trovano nelle gallerie di Londra e Porto Montenegro presso la Cris Contini Contemporary, e nelle case di collezionisti importanti a livello internazionale.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.