L’ultimo post di Banksy ritrae il bagno di casa. E un’opera realizzata in quarantena

Mia moglie odia quando lavoro da casa. Così l’artista commenta il suo ultimo lavoro diffuso via Instagram

Banksy at home @Instagram
Banksy at home @Instagram

Non sappiamo ancora chi è Banksy, il fantomatico street artist noto in tutto il mondo del quale tutt’oggi conosciamo solo la firma e le opere disseminate in tutto ovunque (ovviamente nello spazio pubblico). Ciò che è certo, almeno stando all’ultimo post apparso sul suo profilo Instagram, è che ha una moglie e che anche lui è bloccato a casa a causa dell’emergenza Covid-19. Non potendo tuttavia spaziare nelle strade e nelle piazze (come ha fatto a Manchester, o a Londra, o a Venezia – qui lo scoop di Artribune in occasione della scorsa Biennale Arte), né prendersi gioco del pubblico di una popolare astaBanksy ha deciso di invadere il proprio spazio privato con l’arte. A essere preso di mira da uno dei suoi brillanti e sarcastici interventi è infatti il bagno di casa: specchi storti, carta igienica ovunque, topi dipinti disseminati ovunque con il suo classico stile e un laconico, ironico motto: My wife hates when I work at home.Letteralmente: mia moglie odia quando lavoro a casa.Non sappiamo quanto la fortunata signora Banksy odi realmente l’impero costruito dal coniuge. Ciò che è certo è l’amore dei fan che hanno cominciato a commentare in massa la nuova trovata dell’artista.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

. . My wife hates it when I work from home.

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

CHI È BANKSY?

L’identità dell’artista è sempre rimasta segreta. Nel 2017 alcuni media diffusero la notizia, prendendo spunto da alcune dichiarazioni del dj Goldie, il quale durante una trasmissione radiofonica, parlando del marketing e del merchandising intorno all’arte di Banksy, si sarebbe riferito allo street artist chiamandolo “Robert”. Da lì, apriti cielo: messe di articoli, commenti, post sui social, tutti ad indicare Robert Del Naja, membro fondatore del gruppo musicale Massive Attack, caro amico del DJ e da sempre sospettato di essere Banksy, come possibile identità segreta dell’artista. La notizia non ebbe poi ulteriori riscontri, né dal nuovo post (forse un amico potrebbe riconoscere il bagno di casa?) sono trapelati nuovi indizi. Tranne uno: che anche Banksy ha scelto di restare a casa.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.