“Basta terroni!”. Manifesto a Torino riporta Salvini alle origini. Ma è opera di un artista

Prendere in giro Matteo Salvini e il suo partito, rinnovato nei numeri e nei contenuti. Un artista senza volto di Torino diffonde un poster che sembra reale, ma che lancia una provocazione. È davvero cambiato qualcosa, nella sostanza della Lega, o il gioco della comunicazione orienta la politica senza più nessun ancoraggio al reale?

Il nuovo poster di Andrea Villa che prende in giro Salvini
Il nuovo poster di Andrea Villa che prende in giro Salvini

Era solo tre mesi fa, giugno 2018. L’inizio del tormentane #portichiusi e del pugno di ferro del neo Ministro degli Interni Matteo Salvini in tema immigrazione: l’Italia si scopriva di colpo un Paese insofferente e ostile, incartato drammaticamente sulla vicenda della nave Aquarius, respinta dal Governo e bloccata in mezzo al Mediterraneo con 629 disperati a bordo. E non sarebbe finita lì: il caso Diciotti, eclatante, avrebbe monopolizzato il dibattito in pieno agosto, procurando al Ministro una denuncia per sequestro di persona, abuso d’ufficio e arresto illegale.
In quell’incipit d’estate l’artista Andrea Villa – avvezzo a sbeffeggiare personaggi politici e a commentare con sarcasmo fatti di cronaca – tirava fuori un commento efficace, piazzato come sua abitudine per strada: arte urbana e impegno sociale, usando il poster come mezzo d’elezione. “Affamati di affamati” riprendeva l’iconico dipinto di Théodore Géricault, “La Zattera”, reinventandone l’essenza tragica in chiave ironica, surreale: sulla massa di corpi avvinghiati, perduti nel vortice del naufragio, tre avvoltoi in giacca e cravatta si avventavano minacciosi, agghindati con elmetti verdi da vichingo e con fascia tricolore. Il riferimento era ai costumi folk del leghisti, di quelli che si avvistano spesso durante le adunate a Pontida, ma anche all’Italia del presente, che confonde patriottismo e nazionalismo, e che gestisce la routine dei flussi migratori a suon di muri e di ricatti.
Il poster era affisso a Torino, città d’origine di Villa. E fu una sberla  – l’ennesima giunta dal mondo dell’arte e della creatività – in faccia alle nuove politiche dei blocchi e dei respingimenti che il governo giallo-verde ha scelto di inseguire. Facendone fiore all’occhiello, elemento distintivo.

Il poster di Andrea Villa dedicato al caso della nave Aquarius
Il poster di Andrea Villa dedicato al caso della nave Aquarius

TRA FAKE E REALTÀ

Andrea Villa – detto in giro “il Banksy di Torino” perché non ha mai rivelato il suo volto e la sua identità – è tornato in questi giorni di settembre a puntare il dito contro Salvini. Prendendolo in giro con un nuovo poster, che è sostanzialmente una locandina politico/elettorale con la stessa foto sorridente scelta dal segretario leghista per la cover del suo profilo Facebook. Lo slogan? “Basta terroni! Fuori dall’Italia”. Con tanto di simbolo del partito.
In molti ci sono cascati, pensando d’essersi imbattuti in una nuova campagna strampalata, nel segno della nostalgia per i vecchi ideali: Salvini è tornato razzista con i meridionali? Non più solo Rom e migranti? Di nuovo siculi, campani, pugliesi, romani, da umiliare fuori dai denti? Nell’era delle fake news, in cui tutto diventa possibile, interscambiabile, plausibile, lungo la soglia minima che non separa più finzione e realtà, cronaca e satira, informazione e falsificazione, dato oggettivo e narrazione contagiosa, Villa lancia un sonoro fake, ma nel farlo rivela – oltre il rito delle apparenze e del politicamente scaltro – una certa sostanza delle cose. È tanto assurdo immaginare Salvini in versione antimeridionalista? E’ un’iperbole? Una provocazione?

Il nuovo poster di Andrea Villa che prende in giro Salvini
Il nuovo poster di Andrea Villa che prende in giro Salvini

Dopo 4-5 anni di acrobazie retoriche e riposizionamenti, di campagne di comunicazione mirate, di spostamenti dei flussi elettorali e di piani di conquista spericolati, della Lega Nord abbiamo dimenticato l’origine secessionista e federalista, l’antipatriottismo, l’intolleranza verso il Meridione.  Il contenitore politico di Salvini è diventato all’improvviso un’altra cosa, per mera strategia di conquista: i voti del Sud servivano. E andavano presi. A costo di cambiare pelle, di rimangiarsi tutto, di capovolgere gli schemi originari, di turarsi il naso. E sono arrivati quei voti, mentre il progetto di governo piano pano cresceva, assieme all’indole  populista e ai consensi, fino a incrociare l’ardimentosa battaglia del nuovo “partito dell’uomo comune” (il M5S), disposto a tutto pur di spodestare la casta e prendere il potere. Anche a un’alleanza scomoda, per quanto naturale.

La locandina della mostra di Andrea Villa, Bestiario
La locandina della mostra di Andrea Villa, Bestiario

SE L’INDIZIO È NELL’INDIRIZZO

Il poster-bufala, che è una specie di monito “per non dimenticare”, si è diffuso in varie zone di Torino, tra cui il centralissimo Corso Vittorio, all’interno degli spazi comunali dedicati all’affissione. Tutto verosimile. E l’effetto “realtà” era assicurato anche dalla presenza di un indirizzo, messo in evidenza sotto il faccione: 20 settembre, ore 19, via Bologna 92/A. Il luogo di un comizio? Un evento politico? Davvero un rendez-vous col Ministro? Nulla di tutto ciò, naturalmente. La verità s’insinua nella burla e l’indizio si nasconde tra la grafica, lo stile e i contenuti simulati a dovere. A quel civico non corrisponde infatti una sezione leghista di Torino, ma la galleria d’arte Comodo64, dove il prossimo 20 settembre si inaugura “Bestiario”, mostra personale dello stesso Villa. Bella trovata, che trasforma un’opera di arte urbana in uno strumento di promozione.
Il progetto espositivo raccoglie fotografie trovate su vari account Instagram e rielaborate, “per creare una serie infinita di animali e immagini iconiche e surreali”. Protagonista ancora una volta l’innesto tra realtà e immaginazione, laddove il mondo dei social, dei new media e anche della comunicazione politica, rimescolano le carte e modificano gli equilibri. La “Bestia” di Salvini – il famoso algoritmo  usato dalla sua squadra per costruire una narrazione precisa, virale, basata su intercettazione e orientamento del sentiment popolare – è oggi il vero protagonista della straordinaria ascesa di un partito miracolato, passato in pochi anni dal 6% di consensi al 30.
Da “Basta terroni” a “Basta immigrati” è un passo. E se è il “terrone”, di colpo, a ritrovarsi nella condizione di superiorità presunta che aveva ieri il “padano”, il gioco funziona eccome. C’è sempre qualcuno più a Sud, contro cui costruire un racconto di conflitto e di potere.

– Helga Marsala

 

Evento correlato
Nome eventoAndrea Villa - Bestiario
Vernissage20/09/2018 ore 19-23
Duratadal 20/09/2018 al 20/09/2018
AutoreAndrea Villa
Generiarte contemporanea, presentazione, serata - evento, disegno e grafica
Spazio espositivoCOMODO64
IndirizzoVia Candelo 2, 10154 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Da gennaio 2018 è Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana.