MIA Milan Image Art Fair: si apre a Milano la fiera della fotografia

Dal 27 aprile al 1 maggio 2022 va in scena l’undicesima edizione della fiera milanese incentrata sulla fotografia e le sue innumerevoli declinazioni: ecco le novità della manifestazione, i premi, le iniziative e le gallerie partecipanti.

MIA Milan Image Art Fair 2022 ph Giulia Ronchi
MIA Milan Image Art Fair 2022 ph Giulia Ronchi

Dopo la scorsa edizione di ottobre 2021 torna al Superstudio Maxi, nella zona sud della città, MIA Milan Image Art Fair (fino al 1 maggio 2022) riposizionandosi nelle consuete date per la prima volta dopo la pandemia. Il focus come sempre è incentrato sulla fotografia sviscerata nelle sue numerose declinazioni, tra nuovi linguaggi, autori storicizzati, intreccio con arte, design, editoria e digital.

MIA Fair 2022, Gabriele Basilico
MIA Fair 2022, Gabriele Basilico

L’UNDICESIMA EDIZIONE DI MIA MILAN IMAGE ART FAIR

Sono 97 le gallerie partecipanti alla manifestazione diretta da Fabio Castelli e Lorenza Castelli, tra le milanesi (la parte preponderante, come Podbielski Contemporary, ArtNoble gallery, BIANCHIZARDIN, ADMIRA, Photo Gallery, Robertaebasta, Antonia Jannone, Galleria Giovanni Bonelli), le italiane (Michela Rizzo di Venezia, Luigi Solito di Napoli, AD Gallery di Firenze, Raffaella De Chirico Arte Contemporanea di Torino e Milano, Spazio BFT di Piacenza, Spazio Nuovo di Roma, Galleria Forni di Bologna, per citarne alcune), e le estere (presenti ADM Photo di Londra, Atelier Relief di Bruxelles, Galerie Eva Meyer di Parigi, fiVe di Vienna, IMAGO Art Gallery di Lugano, Photo Independent di Los Angeles, Project 2.0 Gallery di Den Haag). Una fiera che accoglie un numero inferiore di espositori ma che guadagna complessivamente in qualità rispetto all’ultima edizione (che aveva attirato il malcontento di alcuni galleristi e addetti al settore), con sezioni curate, premi, collaborazioni con partner esterni e, in generale, una minor presenza di fotografie “pop”, commerciali, retroilluminate o super patinate. Gli emergenti sono raccolti assieme nello spazio dedicato al Premio New Post Photography, mentre tra i progetti curati ci sono il Premio IRINOX SAVE THE FOOD alla prima edizione e a cura di Claudio Composti (con lavori di artisti che abbiano una relazione con il tema del cibo in ogni sua forma) e Olympism Made Visible, la mostra organizzata dalla Olympic Foundation for Culture and Heritage che riflette sui valori della pace e dello sport attraverso le opere di Alex Majoli e Lorenzo Vitturi, realizzate in Brasile e Cambogia.

FIERE PARMA E BNL PARIBAS NELL’UNDICESIMA EDIZIONE DI MIA MILAN IMAGE ART FAIR

La grande novità dell’undicesima edizione? Riguarda la nuova entrata societaria nel gruppo Fiere di Parma, che ospiterà alla fiera di food Cibus (prevista per i primi giorni di maggio) alcune opere esposte a MIA. “Consideriamo quella che stiamo per inaugurare l’edizione zero di una nuova avventura che ci vede unire le forze con Fiere di Parma con l’obiettivo di dare ulteriore impulso al mercato della fotografia”, spiegano Fabio Castelli e Lorenza Castelli, “e di attrarre gli investimenti non solo dei collezionisti e dei buyer internazionali, ma anche per stimolare l’interesse del pubblico appassionato d’arte e, in particolare, di fotografia”. Il main sponsor BNL BNP Paribas, invece, per l’undicesimo anno consecutivo sostiene la fiera, prima fonte di acquisizione per la banca. “Teniamo molto al linguaggio della fotografia e al punto di vista nuovo che i fotografi ci regalano, per noi elemento fondamentale”, ha dichiarato durante la presentazione Isabella Fumagalli,Divisione Private Banking & Wealth Management BNL BNP Paribas. “Per noi questa fiera è il bacino principale dal quale acquisiamo opere di arte contemporanea che vengono poi esposte nei nostri spazi”. A vincere l’undicesima edizione del premio fotografico un ex aequo: sono l’opera di Simona Ghizzoni con Isola (2021) un trittico che racconta il rapporto tra uomo e natura, nato durante il lockdown e quella di Antonio Biasiucci con Corpo Ligneo n.01 (2022), che coglie l’elemento naturale dandogli la valenza di un miraggio, un tronco che appare trasfigurato, diventando quasi la visione onirica di una città.

-Giulia Ronchi

MIA Milan Image Art Fair – XI edizione
Dal 28 aprile al 1 maggio 2022
Superstudio Maxi
Via Moncucco 35, Milano
https://www.miafair.it/

Eventi d'arte in corso a Milano

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.