Cortona on the move AlUla. Il festival internazionale della fotografia raggiunge l’Arabia Saudita

Fino al 31 marzo 2022, il festival nato nella provincia di Arezzo stringe una partnership con l’Arabia Saudita e approda nella città di AlUla, per la prima edizione di un festival dedicato alla fotografia dal tema “Time, Life and Longing”. In mostra, 19 artisti sauditi e internazionali

COTMAlUla_Simon Norfolk_©Ballardian
COTMAlUla_Simon Norfolk_©Ballardian

Si intitola Past Forward – Time, Life and Longing la prima edizione di CORTONA ON THE MOVE ALULA, il festival dedicato alla fotografia in cui saranno esposte opere di 19 artisti provenienti da tutto il mondo, compresi fotografi dell’Arabia Saudita. Una manifestazione diretta da Veronica Nicolardi, direttrice di Cortona On The Move, e co-curata da Arianna Rinaldo – curatrice e direttore artistico del festival internazionale dal 2012 al 2021 – e dall’artista visiva e curatrice saudita Kholood AlBakr che si svolgerà fino al 31 marzo 2022 ad AlUla, città considerata un’oasi delle arti e della creatività del Paese. Così il festival nato a Cortona, che dal 2011 promuove la fotografia contemporanea la ricerca di visioni e forme originali di comunicazione visiva, sbarca nel regno saudita, abbracciando una nuova sfida, ma anche nuove sinergie. “La fotografia e AlUla vanno di pari passo”, ha spiegato il Direttore delle Arti e della Pianificazione Creativa di RCU, Nora AlDabal. “I fotografi vengono da tutto il mondo per catturare i nostri paesaggi, i siti del patrimonio storico e la cultura. C’è già una vivace comunità di fotografi ad AlUla e senza dubbio sono entusiasti di essere coinvolti in questo programma. La nostra attenzione alle arti in AlUla è stata amplificata di recente con molte grandi iniziative e collaborazioni. Vediamo quest’ultima collaborazione con Cortona On The Move come un passo importante per continuare lo sviluppo di AlUla come centro di collaborazione creativa”.

LA PRIMA EDIZIONE DI CORTONA ON THE MOVE ALULA

Time, Life and Longing sono i tre filoni tematici che hanno guidato le scelte delle curatrici nella selezione delle opere, che offrono una lettura del trascorrere del tempo attraverso diversi ambiti: la famiglia, l’amicizia, la memoria, il cambiamento e il futuro. Come in Locked in Beauty di Paolo Woods e Gabriele Galimberti, dove il tempo si ferma nelle notti buie e silenziose dei musei vuoti, oppure in Fellow Creatures di Aleksi Poutanen, dove la vita umana e la vita animale diventano una nuova possibilità di una relazione senza tempo, e ancora in Otsuchi Future Memories di Alejandro Chaskielberg, che tratta delle conseguenze umane di un devastante tsunami con un senso di sofferenza e struggimento tangibile paesaggi ritratti.  Parallelamente alle mostre, CORTONA ON THE MOVE ALULA porta avanti un programma di visite guidate, incontri con i fotografi, workshop di fotografia, proiezioni ed eventi serali.  Fino al 24 marzo, infine, vengono ospitate sei residenze artistiche il cui programma, diretto da Paolo Woods, prevede mentorship e masterclass che contribuiscono a favorire lo scambio culturale, sviluppando non solo le competenze degli artisti, ma anche arricchendo l’esperienza dei visitatori e della comunità locale.

“Past Forward – Time, Life and Longing”
Cortona On The Move Alula
Fino al 31 marzo 2022
villaggio AlJadidah di Alula, Arabia Saudita
https://www.cortonaonthemove.com/alula/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.