30 anni senza Luigi Ghirri. A Reggio Emilia, Modena e Parma un anno di eventi sul grande fotografo

“Luigi Ghirri: Vedere Oltre” è il ciclo di mostre e giornate di studio che da aprile a dicembre celebrerà lungo l’Emilia i 30 anni dalla morte del fotografo che l’ha ritratta tutta la vita. Sua la firma di cover di dischi celebri di CCCP e Lucio Dalla

Sono passati 30 anni dalla scomparsa prematura di Luigi Ghirri (Scandiano 1943 – Reggio Emilia 1992), figura centrale nel panorama internazionale della fotografia del secondo Novecento, la cui fama ha oltrepassato prima i confini emiliani – dove ha insegnato e promosso giovani fotografi, collaborando con musicisti del calibro di Lucio DallaGianni MorandiStadioLuca Carboni e CCCP – e poi quelli nazionali esponendo tra le più prestigiose gallerie, istituzioni e realtà museali di tutto il mondo, dal MoMA di New York al Musée de la Photographie Reattu di Arles. Per celebrare questo anniversario, la Regione Emilia-Romagna e Apt Servizi Emilia-Romagna promuovono una programmazione di eventi, dal titolo Luigi Ghirri: Vedere Oltre che, a partire da aprile per tutto il 2022, attraverserà le città di Reggio Emilia, Modena e Parma, con Stefano Accorsi, testimonial dell’Emilia Romagna, prossimamente protagonista di un video omaggio all’artista e alla sua terra sui suoi profili social. Vediamo gli eventi nel dettaglio…

– Claudia Giraud

1. ITALIA IN MINIATURA – REGGIO EMILIA

Luigi Ghirri, Rimini, 1977 © Eredi Luigi Ghirri

La mostra riunisce per la prima volta le fotografie che Ghirri realizzò nel contesto del parco tematico Italia in miniatura, pensato e progettato da Ivo Rambaldi nelle vicinanze di Rimini, inaugurato nell’estate del 1970. In esposizione fotografie anche inedite provenienti dalla serie In scala, per la prima volta in dialogo con una selezione dei materiali dell’archivio del parco, prodotti da Ivo Rambaldi in quegli stessi anni. Oltre a mappe, schizzi, appunti e altri documenti, spiccano le fotografie realizzate da Rambaldi in viaggio per l’Italia. A completare la mostra, i progetti fotografici realizzati da un gruppo di lavoro formato da artisti emergenti, catalizzato da Joan Fontcuberta e Matteo Guidi a partire da un workshop all’ISIA di Urbino.

In scala diversa. Luigi Ghirri, Italia in miniatura e nuove prospettive

Dal 29 aprile 2022 all’8 gennaio 2023

Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1 42121 Reggio Emilia

https://www.musei.re.it/sedi/palazzo-dei-musei/

2. PREMIO GHIRRI PER LA GIOVANE FOTOGRAFIA ITALIANA – REGGIO EMILIA

Luigi Ghirri @ Mauro Baldassari

Sempre a Reggio Emilia, Ghirri sarà protagonista ai Chiostri di San Domenico del nuovo Premio Ghirri per la Giovane Fotografia Italiana, istituito nell’ambito del Festival della Fotografia Europea grazie alla collaborazione con l’Archivio Eredi Luigi Ghirri. Il premio verrà attribuito, durante le giornate inaugurali del festival, a uno dei sette artisti – Marcello CosloviChiara ErnandesClaudia FuggettiCaterina MorigiGiulia ParlatoRiccardo SveltoGiulia Vanelli – selezionati da una giuria internazionale e in mostra nel complesso domenicano. Infine ai Chiostri di San Pietro sono previsti workshop e nuovi progetti fotografici per l’autunno 2022. Il Comune di Reggio Emilia inviterà alcuni artisti a realizzare nuove produzioni attraverso workshop e modalità di partecipazione attiva della cittadinanza: i risultati verranno successivamente esposti ai Chiostri di San Pietro.

Festival Fotografia Europea

Dal 29 aprile al 12 giugno 2022

Chiostri di San Domenico, Via Dante Alighieri, 11, 42121 Reggio Emilia

3. COLLEZIONE GHIRRI DI FMAV – MODENA

Luigi Ghirri, Marina di Ravenna, 1970 Courtesy Comune di Modena, Collezione Galleria Civica – FMAV Fondazione Modena Arti Visive @ Eredi Luigi Ghirri

A Modena Ghirri inaugurò nel 1972 la sua prima mostra. Oggi la città rivive il talento di questo maestro con un’esposizione che, pensata per le celebrazioni dell’artista, parte dalle fotografie presenti nelle collezioni gestite da FMAV (la Raccolta della Fotografia della Collezione Galleria Civica del Comune di Modena e la Collezione Fondazione di Modena). Le fotografie del periodo iniziale saranno affiancate da immagini e pubblicazioni riguardanti il seminale rapporto di Ghirri con gli artisti concettuali modenesi. La serie di Colazione sull’erba, presentata nelle sale ex Sip di Piazza Grande nel 1975, sarà il punto di partenza per esporre cataloghi e documenti che raccontano il suo ruolo di animatore delle attività sulla fotografia alla Galleria Civica, insieme a Oscar Goldoni, di cui parimenti nel 2022 ricorrono i trent’anni dalla morte. L’esposizione si concluderà con alcune fotografie di paesaggio e architettura degli Anni Ottanta, tra cui quelle della celebre serie Versailles.

Collezione Ghirri di FMAV-Fondazione Modena Arti Visive

Dal 16 settembre al 16 ottobre 2022

FMAV-Fondazione Modena Arti Visive di Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande, 103, 41121 Modena

https://www.fmav.org/

4. GIORNATE DI STUDIO E UNA MOSTRA SULLA FOTOGRAFIA DI PAESAGGIO – PARMA

Luigi Ghirri: Vedere Oltre

Il CSAC di Parma, fondato da Arturo Carlo Quintavalle con Massimo Mussini, possiede la maggiore raccolta di fotografie vintage di Ghirri. La città ospiterà, quindi, una serie di incontri e giornate di studio a carattere pubblico che vedranno studiosi, artisti, scrittori, riflettere sull’opera ghirriana e sul grande impatto che questa ebbe sulla cultura, non solo visiva, del secondo Novecento. Con i materiali conservati negli archivi CSAC sarà allestita una mostra e pubblicato un volume, che restituiscono l’intenso e complesso rapporto di Luigi Ghirri con l’Università di Parma e con la generazione di autori che nel corso degli Anni Settanta definirono con lui una nuova fotografia di paesaggio, sul modello delle foto di Walker Evans.

CSAC, Abbazia di Valserena, Via Viazza di Paradigna, 1, 43122 PARMA

https://www.csacparma.it

5. LUIGI GHIRRI SU PHOTOVALLEY – MAPPA DELLA FOTOGRAFIA IN EMILIA ROMAGNA

Borgo La Scola sull’Appennino bolognese, Ph. paolo__66__ #inEmiliaRomagna #italianvillages

Il programma Luigi Ghirri. Vedere Oltre diventa parte del progetto Photo Valley, la prima completa mappatura di tutto quello che ruota attorno alla fotografia in regione: ben 190 le realtà segnalate, distribuite su 60 comuni, tra archivi fotografici, collezioni, circoli fotografici e associazioni culturali, editori, festival e manifestazioni, fototeche e biblioteche, gallerie e spazi espositivi, luoghi notevoli e fotogenici, musei, enti e fondazioni, scuole, corsi e workshop. Grazie a una mappa interattiva, con possibilità di ricerca “multi chiave” si possono cercare tutte le mete fotografiche, di tipo museale, archivi fotografici, circoli ecc. Un database in progress, che viene costantemente aggiornato di nuovi contenuti.

https://www.travelemiliaromagna.it/photovalley/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).