Le fotografie di Guido Guidi dedicate alla Luna ora sono in un libro

Una serie di fotografie a tema lunare compone il libro pubblicato da Mack e intitolato al lavoro di Guido Guidi.

Guido Guidi, Ronta, 2005, stampa a contatto, cm 24x30 © Guido Guidi. Courtesy Viasaterna, Milano
Guido Guidi, Ronta, 2005, stampa a contatto, cm 24x30 © Guido Guidi. Courtesy Viasaterna, Milano

Lunario è il titolo del recente volume di Guido Guidi (Cesena, 1941), pubblicato da Mack. Un’opera sobria, misurata, perfettamente in linea con gli altri libri di Guido Guidi. Qui ci troviamo di fronte a una raccolta di fotografie, realizzate nell’arco di trent’anni, tra il 1968 e il 1999, che direttamente o indirettamente rimandano al tema della Luna. Nel volume c’è una conversazione con Antonello Frongia, il cui nome è legato da anni a quello del fotografo. A Milano il volume è stato, tuttavia, presentato, insieme a Guidi da Nicoletta Leonardi, all’interno della galleria Viasaterna, che lo rappresenta, con la collaborazione della libreria Micamera.

PAROLA A GUIDO GUIDI

Guidi estrapola il tema da qualsiasi tentazione di banalità per inserirlo, preciso, all’interno del suo cammino: “È vero che per i fotografi la Luna può essere un soggetto pericoloso. Ma io sono nato in campagna e ho avuto tempo per guardare la Luna nelle notti invernali, tornando dall’oratorio. Fa parte della mia memoria adolescenziale, così come la guerra e altre cose. Allora non c’era molto da guardare: gli asini nel campo, gli alberi, la Luna appunto. Andavo alle scuole medie e cominciavo a studiare, ricordo che parlavo ai miei amici sbalorditi della Terra, della Luna e di Einstein”. Attraverso un tema iconografico, Guidi ci accompagna nella sua fotografia, attraverso un cammino trasversale. “Credo che venga anche da qui la mia vicinanza a una certa fotografia americana, quella di Robert Adams, dello stesso Baltz e di altri. Anche per il loro tipo di stampa, che ho sempre visto vicino al sidereo, al siderale – un mondo lunare, come se fosse visto da una sonda spaziale”.

Guido Guidi – Lunario, 1968 1999 (MACK, Londra 2020)
Guido Guidi – Lunario, 1968-1999 (MACK, Londra 2020)

I RIMANDI ALL’ARTE E AL CINEMA

Questo un libro essenziale, pulito, le cui prime immagini sono l’esercizio proposto da Italo Zannier durante il Corso Superiore di Disegno Industriale a Venezia. Un tema che dunque accompagna Guidi sino dagli anni della formazione e che gli viene anche da uno sguardo più ampio rispetto a quello della fotografia, dalle Amalassunte di Osvaldo Licini, che vedeva pubblicate da SeleArte, la rivista di Carlo Ludovico Ragghianti.
La ricerca è continuata negli anni. Fondamentale, in tal senso, la lezione di Robert Adams.
È questo un volume in cui si parla del guardare, dove, anche a detta di Guidi, si parla dello sguardo. Lo sguardo del fotografo, dello spettatore, con un imprescindibile richiamo alla storia dell’arte ma anche alla letteratura e al cinema e con un obbligato rimando al Michelangelo Antonioni de L’eclisse.

Angela Madesani

Guido Guidi – Lunario, 1968-1999
MACK, Londra 2020
£ 35
ISBN 9781912339679
https://mackbooks.co.uk

Dati correlati
AutoreGuido Guidi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.