MIA Photo Fair 2019 a Milano: le iniziative culturali di BNL per la nona edizione della fiera

Torna il “Premio BNL Gruppo BNP Paribas”, affiancato dal nuovo progetto fotografico di Luigi Spina e a un percorso trasversale a cura di Emanuela Mazzonis: tutte le iniziative di BNL nell’ambito della nona edizione di MIA Photo Fair.

Rune Guneriussen
Rune Guneriussen

Sarà ospitata all’interno degli spazi del The Mall di Porta Nuova, e si svolgerà dal 22 al 25 marzo: MIA Photo Fair torna, con appuntamenti ricorrenti e nuove iniziative di cui avevamo in parte già trattato. Le 85 gallerie selezionate, di cui un terzo provenienti dall’estero, confermano un percorso votato all’internazionalità che ha reso la fiera capace di tener testa anche alle “sorelle” internazionali, anche grazie a partnership e collaborazioni. Ad esempio con “il coinvolgimento attivo della camera di Commercio statunitense che supporta la presenza di Photo Independent Los Angeles, la fiera dedicata agli artisti indipendenti che, in un prossimo futuro, ci auguriamo possano intraprendere nuovi cammini professionali, a fianco di professionisti italiani del mondo dell’arte”, spiega la direttrice Lorenza Castelli. Ma anche grazie alla partnership con il consolato della Repubblica di Corea che promuove un focus dedicato ad autori provenienti dalla Corea del Sud: artisti coreani emergenti approderanno a Milano e saranno accolti dalla vetrina di MIA Photo Fair. In questo progetto, “dal respiro internazionale sempre più pronunciato, in profonda sintonia con quello della città di Milano”, come lo definisce l’assessore Filippo del Corno, il main sponsor torna ad essere BNL Gruppo BNP Paribas, con coinvolgimento culturale che supera l’aspetto di supporter economico. Vediamo meglio di cosa si tratta.

PREMIO BNL GRUPPO BNP PARIBAS

La presenza di BNL come partner della fiera milanese si esprime in una pluralità di iniziative volte al pieno coinvolgimento dell’istituto nel clima culturale della manifestazione: “BNL è main sponsor di MIA Photo Fair ormai da otto anni. Abbiamo visto crescere questa fiera sia come offerta che come pubblico, e siamo particolarmente soddisfatti del risultato”, spiega Anna Maria Gambino, head of Institutional Sponsorship and Events “Questo ci ha permesso di essere presenti con un ruolo non solo economico-finanziario come banca, ma anche come azienda attenta ad investimenti in attività culturali, con l’intento di sostenere questo tipo di attività e promuoverle per un pubblico il più possibile ampio”. Un apporto che si concretizza con il ritorno del Premio BNL Gruppo BNP Paribas, che come ogni anno incorona un artista ne acquisisce l’opera, la quale entra far parte della collezione artistica della banca arricchendone il patrimonio. I nomi dei 15 finalisti quest’anno sono Luca Coclite, Liu Bolin, Rania Matar, Irene Kung, Jojakim Cortis & Adrian Sonderegger, Denis Félix, Sofia Uslenghi, Rune Guneriussen (quest’ultimo ha firmato la locandina di questa edizione), Silvia Papa, Dafna Talmor e Katerina Belkina. Selezionati dal Comitato Scientifico di MIA PHOTO Fair, questi artisti saranno presentati nell’account Instagram ufficiale @bnl_cultura, uno strumento per conoscere i loro lavori più da vicino. Sul vincitore, che sarà comunicato il 21 marzo al The Mall – lo spazio che ospita la fiera -, torneremo prossimamente.

ALTRI PROGETTI

La simbiosi tra la cultura e BNL prosegue poi all’interno della fiera: quest’anno, lo stand del gruppo bancario sarà presente con il progetto L’imperfezione della bellezza, una serie di scatti fotografici realizzati da Luigi Spina (1966) su cinque statue di epoca romana appartenenti alla collezione BNL. Immagini attraverso le quali emergono le piccole imperfezioni poste sulla superficie delle antiche sculture, rivelandone un fascino ancora più magnetico; la mostra rientra all’interno di un progetto più ampio che verrà svelato nei mesi a venire. Durante MIA Photo Fair inoltre, sarà distribuito un leaflet che illustra un percorso a cura di Emanuela Mazzonis: questa “mostra tra le mostre” disegna un iter trasversale ai diversi stand, attraverso il quale il pubblico sarà invitato a scoprire nuovi artisti e opere selezionate.

-Giulia Ronchi

MIA Photo Fair 2019
22 – 25 marzo 2019
The Mall – Milano Porta nuova
P.zza Lina Bo Bardi
Info:
[email protected] – www.miafair.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.

LEAVE A REPLY