Paesaggi mentali. La fotografia di Marcello Galvani a Imola

Pomo Da Damo, Imola ‒ fino al 26 gennaio 2019. Dettagli e piccoli spunti paesaggistici negli scatti di Marcello Galvani, in mostra a Imola.

È intitolata Vedute la bella mostra di Marcello Galvani (Massalombarda, 1975) al Pomo Da Damo di Imola. Il titolo potrebbe trarre in inganno rimandando al vedutismo pittorico. Quanto vediamo sono dei viaggi, dei cammini, delle passeggiate, come suggerisce il curatore della mostra Franco Bertoni, che nel suo testo parla del legame con La passeggiata di Robert Walser. Il mondo di Galvani parte da Massalombarda, in provincia di Ravenna, il luogo dove il fotografo vive da sempre.
Le sue strade sono infinite ma tornano sempre su se stesse. Gli spunti sono piccoli accadimenti: il fumo che esce da una finestra, un cavallo seduto in un prato, la nebbia dalla quale emergono gli alberi su una strada di montagna. Paesaggi mentali e fisici al tempo stesso, in cui Galvani osserva con attenzione il suo circostante con la grazia di un maestro zen. Ogni immagine ci introduce in una storia in cui a chi guarda è lasciato un ruolo attivo di viaggiatore dello sguardo.

‒ Angela Madesani

Dati correlati
AutoreMarcello Galvani
Spazio espositivoIL POMO DA DAMO
Indirizzovia XX settembre 27 - Imola - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.