Il “Mediterraneo” di Mimmo Jodice in mostra negli Istituti Italiani di cultura

Dopo la grande mostra ospitata dal Mart di Rovereto nel 2016, un progetto itinerante voluto dalla Farnesina in accordo con il museo trentino porterà le fotografie di Mimmo Jodice nelle capitali del Mediterraneo.

La storia dell’uomo è indissolubilmente legata al Mediterraneo. Il grande mare, circondato dalle terre di tre continenti, è stato da sempre fonte di ispirazione per artisti e letterati di tutte le epoche. Di questa area così ricca di storia, l’Italia è centro nevralgico, crocevia di popoli e culture, passaggio obbligato verso il resto dell’Europa. Al grande mare e alle antiche civiltà che lo abitano ha dedicato una sequenza di fotografie, Mimmo Jodice (Napoli, 1934), frutto di una lunga ricerca e di anni di viaggi da una sponda all’altra del Mediterraneo. Già protagonista di una grande mostra ospitata dal Mart di Rovereto nel 2016, la serie “Mediterraneo” rappresenta un punto nodale nella ricerca di Jodice ed oggi è protagonista di un progetto itinerante voluto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale in collaborazione con il Mart di Rovereto e con i collezionisti Anna Rosa e Giovanni Cotroneo che possiedono oltre 200 opere dell’artista napoletano. Una selezione di 40 scatti delle 83 fotografie che appartengono al ciclo sono stati esposti alla Farnesina lo scorso 22 dicembre in occasione della Conferenza dei Direttori degli Istituti Italiani di Cultura prima di partire per un tour, intitolato “Italia, Culture, Mediterraneo”, che nel 2018 toccherà alcuni istituti di cultura italiani della area del Mediterraneo a partire da febbraio a Tel Aviv per poi toccare diverse città dal Marocco all’Iran.Ecco le immagini.

            Mariacristina Ferraioli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.