Fotografia e sensualità. Lady Tarin a Milano

Still, Milano ‒ fino al 15 ottobre 2017. La mostra fotografica di Lady Tarin declina la sensualità femminile in un linguaggio visivo intrigante, lontano dalle dinamiche voyeuristiche.

Le fotografie erotiche di Lady Tarin si allontanano da qualsiasi fantasia voyeuristica, anzi ciò che colpisce e sconvolge è proprio il fatto di trovarsi di fronte a una donna completamente consapevole della sua sensualità e del fascino che esercita. Le figure femminili di questi scatti non solo si lasciano guardare, ma guardano e sprigionano spontaneità e naturalezza, autocoscienza e libertà. Non a caso il titolo della mostra, Voluptas, prende il nome dalla divinità romana nata dall’incontro di amore e psiche.
L’erotismo di Lady Tarin libera l’immagine della donna da una fruizione predatoria, da un’idea di bellezza oggettuale fatta per compiacere l’uomo e quasi mai sé stessa. Tutte le fotografie sono scattate in analogico: la fisicità dell’impressione della pellicola crea un legame diretto con la modella, riesce a trasporre la matericità della pelle sulla grana della carta. In ambienti domestici o all’aperto, le scene sono costruite con cura e riescono ad intrigare lo spettatore anche perché ognuna è un momento di una storia non raccontata ma solo accennata attraverso oggetti, vestiti e sguardi.

Federico Godino

Evento correlato
Nome eventoLady Tarin - Voluptas
Vernissage14/09/2017 ore 18,30
Duratadal 14/09/2017 al 15/10/2017
Autore Lady Tarin
Generifotografia, personale
Spazio espositivoSTILL
IndirizzoVia Balilla, 36 - 20136 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federico Godino
Nato a Genova nel 1993, laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Coltiva insieme alla sua passione per le arti l’interesse per altre culture con esperienze di volontariato indipendente in Uganda e di studio in Mozambico. A Milano ha lavorato nell’ambito della progettazione architettonica e specialmente in quella di interni. Attualmente vive a San Paolo del Brasile seguendo un percorso di specializzazione tra architettura alla FAU e arte all’ ECA.