I volti del pop e della moda. Da Kate Moss a David Bowie: 30 anni di icone in mostra in Toscana

41 fotografie del celebre fotografo francese di star della musica e del cinema innamorato di Helmut Newton che, durante la sua carriera, ha lavorato per major come Vogue, Vanity Fair e Harper’s Bazaar.

Kate Moss ©Michel Haddi
Kate Moss ©Michel Haddi

Non esiste celebrità che non sia passata davanti all’obiettivo puntuale di Michel Haddi – famoso fotografo francese di moda che ha firmato diverse copertine di Vogue -, dal mondo del cinema a quello della musica, come Cameron Diaz, Clint Eastwood, David Bowie, Tupac Shakur, Sean Connery, Tim Burton. I suoi scatti sentono l’influenza di fotografi del calibro di Cecil Beaton, Irving Penn, Richard Avedon, David Bailey, Helmut Newton o Mario Testino, che Haddi ha sempre guardato con ammirazione. Ma la notorietà vera e propria arriva con la serie di scatti a Kate Moss per la catena di negozi di abbigliamento Bloomingsdale di New York, scatti che faranno la loro comparsa negli store americani, così come nelle campagne pubblicitarie televisive e nei vari media. Proprio da questo episodio parte la mostra POP STYLE ICONS: 30 anni di icone da Kate Moss a David Bowie negli scatti di Michel Haddi, nata a Barberino del Mugello, dalla collaborazione tra McArthurGlen Barberino Designer Outlet e ONO arte contemporanea, che racconta anche l’evoluzione dello stile di tre epoche segnate da profondi cambiamenti storici e culturali (tra i quali la caduta del Muro di Berlino vissuta da Haddi in diretta insieme ai Red Hot Chili Peppers). Ecco le immagini.

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoPop Style Icons
Vernissage13/06/2017 ore 11
Duratadal 13/06/2017 al 30/07/2017
Generefotografia
Spazio espositivoBARBERINO DESIGNER OUTLET
IndirizzoVia Meucci snc, 50031 - Barberino di Mugello - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).