L’intensità del niente. Valerio Spada a Torino

Camera, Torino – fino al 21 maggio 2017. Valerio Spada presenta in anteprima il lavoro che lo ha insignito della prestigiosa Guggenheim Memorial Foundation Fellowship: un’esplorazione della criminalità organizzata (in particolare Cosa Nostra), della mafia come esperienza radicata nella quotidianità siciliana al punto da sconvolgerne il senso comune.

Chi conosce la Sicilia percepisce le opere di Valerio Spada (Milano, 1972) come archetipi della mentalità, delle consuetudini sociali e degli atteggiamenti personali indispensabili per comprendere i meccanismi dell’indole isolana. La dignità essenziale delle pose, la calma e la calura dei colori, l’acceso annichilimento (quasi passivo-aggressivo) degli sguardi riportano alla mente di chi vive o ha vissuto la Sicilia un’intensa concentrazione di episodi, aneddoti, frasi non pronunciate e malinconia sottesa. La documentazione fotografica della Bibbia trovata nel covo di Provenzano e il video della polizia sulla sua cattura rappresentano una parte dolorosamente indispensabile del mondo siculo: un modo di vivere che ha interiorizzato la mafia senza necessariamente accettarla. Il fascino commovente della mostra coincide con quello della stessa Sicilia: una terra per filosofi e pensatori.

– Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoValerio Spada - I am nothing
Vernissage02/03/2017 su invito
Duratadal 02/03/2017 al 21/05/2017
AutoreValerio Spada
CuratoreFrancesco Zanot
Generifotografia, personale
Spazio espositivoCAMERA CENTRO ITALIANO PER LA FOTOGRAFIA
IndirizzoVia delle Rosine 18 10123 Torino - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.