Il viaggio nel quotidiano di Pino Settanni da Monica Vitti a Renato Guttuso. Ai Dioscuri di Roma

“Viaggio nel quotidiano. Dal cinema alla realtà. 1966 – 2005” in mostra dal 29 marzo al 28 maggio 2017 al Teatro dei Dioscuri al Quirinale, Roma.

Uno degli scatti di Settanni per la mostra al Teatro dei Dioscuri di Roma
Uno degli scatti di Settanni per la mostra al Teatro dei Dioscuri di Roma

All’ingresso alcuni ritratti di Pino Settanni (1949 – 2010) e alcune sue tipologie di scatti, che poi non si ritrovano nel percorso, accolgono il visitatore. Monica Vitti con il suo uovo fa parte dei ritratti cinematografici di Pino Settanni, in tutto circa 80, e sono un genere abbastanza conosciuto e importante. La mostra cerca di andare oltre, di far vedere l’altro Settanni, quello che per chi viene dal cinema è meno noto. Accanto al ritratto di Monica Vitti, una foto che rimanda ad una collaborazione molto importante per il fotoreporter, quella avuta per cinque anni con Renato Guttuso.

DA GUTTUSO A MORAVIA

L’immagine ritrae lo studio di Guttuso a Palazzo del Grillo. Una stanza buia con un bagliore di luce bianca che entra dalla finestra e il maestro intento a lavorare, a dipingere quello che sarà un importante ritratto di Moravia. La mostra prosegue con scatti che riguardano prima l’Afghanistan e poi i Balcani. Donne coperte, bambini e luoghi. Si avverte la vita scorrere se pur nello scenario bellicoso, dei conflitti di fine ‘900. Chiudono la mostra immagini in bianco e nero che ritraggono il sud di Settanni, la sua Taranto e la quotidianità della sua gente. Ed è proprio la parola “quotidiano” la chiave per comprendere al meglio il lavoro di Pino Settanni, quasi tra fotografia e pittura.

Margherita Bordino

Pino Settanni. Viaggio nel Quotidiano
Fino al 28 maggio 2017
Teatro dei Dioscuri al Quirinale
Via Piacenza 1, Roma

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.