Una foto simbolo, capace di raccontare la lotta contro l’ingiustizia come poche altre al mondo. È l’immagine dell’uomo davanti ai carri armati scattata da Jeff Widener a piazza Tienanmen il 5 giugno del 1989, durante gli scontri tra i manifestanti e i militari del governo cinese.
L’immagine, ripresa da una finestra al sesto piano dell’Hotel Beijing, a circa 800 metri dalla scena, ritrae il coraggioso gesto di un uomo che si oppone, solo e disarmato, alla violenza dei mezzi militari. Se ne sta lì, ritto e fermo, con due buste della spesa nelle mani, ad ostacolare il passaggio dei carri armati nella piazza. La sua identità e il suo destino sono tuttora sconosciuti.
Il fotografo dell’Associated Press racconta in prima persona la storia di questa immagine iconica, per la quale è stato anche candidato al premio Pulitzer.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma e Milano. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020).